Un pizzico di Nba in Italia: Gallinari torna a Milano. Bryant a Bologna?

Ritorno al passato per Danilo Gallinari. Il giocatore dei Denver Nuggets torna a vestire la maglia dell’Olimpia Milano.

Lo ha comunicato la societa’ meneghina attraverso il proprio sito web: ”Emporio Armani Milano comunica di aver raggiunto un accordo, fino al termine del lockout della stagione Nba, con Danilo Gallinari”.

La sterzata definitiva alla trattativa è arrivata con il riallontanamento delle parti in causa per la discussione del nuovo contratto collettivo NBA: il meeting della scorsa settimana fra l’associazione dei giocatori e dei proprietari non ha dato i risultati sperati alla vigilia, facendo così saltare i training-camp di preparazione di inizio ottobre.

Gallinari, che ha ancora un anno di contratto con i Denver Nuggets corredato con team-option per la stagione 2012-13, si aggregherà alla formazione di Sergio Scariolo a partire da giovedì, raggiungendo i suoi nuovi compagni in Spagna, dove ultimerà la preparazione sulla Costa del Sol.

Lo slot di ala piccola rimasto vacante (si è parlato a lungo di Datome in estate, ma la trattativa non è mai decollata) viene così colmato da un giocatore non solo dal tasso tecnico importantissimo, ma anche dotato di un legame affettivo con il pubblico fortissimo: lo scorso ottobre il Forum rispose con un tutto esaurito tributando una grandissima ovazione al Gallo quando tornò in Italia per una esibizione con i New York Knicks. Gallinari resterà a Milano fino al termine del lock-out, l’unico giocatore “a tempo” del roster dell’Olimpia.

"Sono felice dell’opportunità che l’Olimpia mi ha offerto per ritornare in campo con la squadra con la quale ho vissuto esperienze indimenticabili – il commento del Gallo -. Spero di poter dare ai tifosi milanesi quante più soddisfazioni possibili e ricambiarli dell’affetto con cui mi hanno seguito anche una volta approdato nell’Nba”.

“Come ho avuto l’occasione di dire più volte nel corso di queste ultime settimane – aggiunge coach Scariolo – l’unico giocatore per cui avremmo considerato un’eccezione alla regola di non acquisire giocatori ‘a tempo’ era ed è stato Danilo Gallinari. Abbiamo fiducia di poter ricevere da lui, anche se a tempo determinato, tutto l’impegno, la sincera dedizione e la capacità di entrare in un gruppo che sta muovendo i suoi primi passi, cercando di diventare una squadra nel senso più nobile della parola. Danilo Gallinari per il suo passato e l’amore per la maglia dell’Olimpia era l’unico giocatore che avrebbe potuto darci queste garanzie. Siamo ovviamente molto contenti che Danilo sia con noi e il fatto che il breve termine coincida con l’obiettivo di qualificarsi per le Top16 di Eurolega ha ovviamente rappresentato una motivazione in più per concludere questa operazione”.

Anche Bologna insegue il sogno Nba. A margine della presentazione del quadrangolare Naturhouse in programma il prossimo weekend a Ferrara, il presidente della Canadian Solar Virtus, Claudio Sabatini, ha rivelato i dettagli della proposta fatta pervenire all’asso dei Lakers Kobe Bryant: ”Abbiamo fatto un’offerta al giocatore relativa alle partite casalinghe fino al 13 novembre per 800.000 dollari netti, il che significa una spesa di 550/600.000 dollari lordi a partita”.

"Abbiamo cominciato a trattare con l’agente di Kobe lunedì scorso – ha aggiunto il patron delle V Nere -, per fargli giocare con la nostra maglia tre gare in casa. Ho fatto questa proposta e allo stesso tempo ho chiesto di convocare un tavolo istituzionale a Bologna per avere un sussidio, io mi accollo il 50% del costo imprenditoriale. Quanto siamo disposti ad aspettare? Con le belle donne bisogna avere pazienza e per una star come lui siamo disposti ad attendere, anche perché il lock-out sembra che si prolunghi. L’idea sarebbe di avere Bryant fino al 13 novembre, ma se anche Ginobili volesse venire a Bologna sarebbe ben accetto"

NESSUN COMMENTO

Comments