Turismo in Perù, gli italiani salgono al sesto posto

Nei primi quattro mesi dell’anno, il Perù ha ricevuto 1,2 milioni di turisti. Si tratta di un incremento del 6,7% rispetto allo stesso periodo del 2015 quando attraversarono le frontiere del Paese 1,13 milioni di stranieri. Lo ha comunicato il Ministerio de Comercio Exterior y Turismo (Mincetur). La nazione che maggiormente ha contribuito è stata il Cile con 383.487 visitatori, un dato anche comprensibile vista la vicinanza tra i due Paesi, che sono confinanti.

Alle spalle dei cileni gli Stati Uniti con 176.829 presenze, quindi Ecuador (83.242), Colombia (58.055) e Bolivia (44.404).

Primo Paese europeo è l’Italia che nel quadrimestre che ha aperto il 2016 è stata presente in Perù con 18.055 turisti. Un numero altamente interessante e che supera anche altri Paesi del Sudamerica, molto più vicini al Perù.

Magali Silva, ministro del Mincetur, ha voluto sottolineare anche l’incremento registrato dall’Uruguay: nei primi quattro mesi dell’anno sono stati oltre 6.000 i turisti, il che vuol dire un aumento del 26,1%, un dato altamente positivo dovuto al nuovo collegamento diretto Lima-Montevideo che dal 3 gennaio unisce le due capitali con una frequenza di cinque voli settimanali. I Paesi che formano la Alianza del Pacifico (Cile, Colombia e Messico) hanno registrato un incremento del 7,5% e rappresentano il 38,4% del totale dei turisti.

Anche l’Europa, in generale, ha visto aumentata la propria presenza: infatti rispetto allo stesso periodo del 2015 si è visto un +15% con un totale di 5.14 arrivi in più. L’aumento maggiore l’ha fatto registrare l’Olanda, +18,8%, con un totale di 9.344 turisti, la metà degli italiani.

NESSUN COMMENTO

Comments