Tesseramento PdL, Ma chi le ha pagate tutte ‘ste tessere?

L’operazione tesseramento del PdL ha avuto grande successo: 1 milione e 200mila iscritti, dopo l’ultima campagna adesioni. Ma in piena crisi economica, chi le ha pagate tutte queste tessere?

Se poi consideriamo che fino a luglio al Pdl erano iscritti in 3mila, la domanda sorge spontanea: cos’è successo in questi pochi mesi, tanto da far lievitare in modo così forte le iscrizioni al partito?

Dalla Svizzera ci arriva il commento di Pasquale Di Raimo, esponente del Ctim: “Mi ricordo i tempi della DC e del Pentapartito in cui tanti onorevoli e pretendenti alla poltrona pagavano di tasca propria le tessere pur di apparire davanti al Sovrano” di turno. “Oggi i tempi non sono cambiati assolutamente”, commenta Di Raimo,che aggiunge: “Mi spieghino chi è quel fesso che paga per iscriversi a un partito che in realtà non è mai esistito!”.

E poi la sua testimonianza: “Provengo da un piccolo paese della Ciociaria di 1100 abitanti e mi ricordo benissimo che ai tempi della DC in cui spadroneggiava Andreotti il mio paese aveva 500 iscritti DC. Indovinate un po`chi pagava le tessere (ed eravamo nel boom economico…)? Questo succedeva e succede in tutta Italia”.

In effetti tanti iscritti in così poco tempo suscitano almeno qualche perplessità. I congressi tanto annunciati, saranno la  prova del nove.

NESSUN COMMENTO

Comments