Terremoto, Mantovano ignorato – di Antonio Gabriele Fucilone

Di certo, il terremoto ha fatto i danni maggiori in Emilia. Lì c’è l’epicentro del sisma e quindi vi sono anche le scosse sussultorie, oltre ad esserci quelle ondulatorie e in quella zona vi sono stati anche i morti. Però, anche nel Mantovano non si scherza. Purtroppo, anche la provincia virgiliana è stata pesantemente colpita. Ad oggi, nel territorio mantovano, vi sono ben 107 chiese lesionate e 14 di queste rischiano di essere demolite.

La chiesa parrocchiale di Moglia, per esempio, è stata semi-distrutta. Lo stesso discorso vale per la chiesa di Quistello. Nel territorio del mio Comune, Roncoferraro, le chiese delle frazioni di Governolo e di Barbasso rischiano di cadere. Nel capoluogo dello stesso Comune, la chiesa è stata riaperta ma presenta delle gravi lesioni. Ieri ero andato lì per la messa e ho potuto vedere i danni. La cappella che si trova alla destra di chi entra, quella che ospita la statua del Sacro Cuore, presenta delle brutte crepe sulla volta. Inoltre, anche la città di Mantova ed il centro abitato di Sabbioneta sono stati danneggiati. Anche le infrastrutture presentano danni.

Pensiamo, ad esempio, al ponte sul Po che unisce Bagnolo San Vito a San Benedetto Po che è stato danneggiato e che è stato chiuso ai mezzi pesanti. Anche il ponte (sempre sul fiume Po) che collega Ostiglia a Revere non è messo meglio. Ad Ostiglia è anche crollata una scuola. Inoltre, vi sono anche gli sfollati. I danni calcolati sono pari a circa 150.000.000 di Euro e vi sono circa 2.400 sfollati. Eppure, nessuno parla di ciò. Nella sua visita alle zone colpite dal sisma, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, avrebbe potuto visitare anche la zona della Provincia di Mantova. Moglia non è lontana da Mirandola. Cosa gli sarebbe costato venire al di qua del confine? Inoltre, pare che il decreto fatto dal governo Monti sull’emergenza terremoto tocchi poco la Provincia di Mantova. Addirittura, alla città di Mantova non sono stati concessi gli sgravi fiscali.

I mass media dicono poco o nulla di Mantova e della sua Provincia. Ora, non voglio fare del campanilismo ma voglio dire che il terremoto non ha colpito solo l’Emilia. Quindi, sarebbe corretto fare un ragionamento complessivo. I terremotati mantovani non sono di serie B.

NESSUN COMMENTO

Comments