Terremoto in Emilia e 2 giugno: dov’è la Repubblica che si vuole festeggiare?

"Sarà celebrazione sobria dedicata alle vittime". Cosi’ il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a proposito della richiesta di annullare le celebrazioni per l’anniversario della Repubblica che si festeggia il prossimo 2 Giugno. Una sorta di funerali di Stato. Gia’, ma questa sarebbe l’occasione per celebrare i funerali di uno Stato che ha fatto della negligenza e dell’inosservanza delle leggi un modus vivendi.

La prima legge antisismica, in un Paese sismico, e’ del 1974, 27 anni dopo la proclamazione della Repubblica. Ci sono voluti altri 7 anni per varare il decreto di regolamentazione. I risultati sono, ancora una volta, i morti provocati dal terremoto in Emilia.

In 40 anni si sono spesi 140 miliardi di euro per il post terremoto. Il Cnr calcola che basterebbero 8 anni per consolidare l’esistente oltre, evidentemente, a costruire bene. Dov’è, dunque, la Repubblica che si vuole festeggiare?

Primo Mastrantoni, segretario Aduc*
*Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

NESSUN COMMENTO

Comments