Terremoto Emilia, azienda trentina ospita colleghi di Carpi

Un’azienda di Avio, in Trentino, che produce calze, ha offerto di dare ospitalita’ ai dipendenti di uno studio di ingegneria di Carpi (Modena), in difficolta’ dopo il terremoto.

I 35 tecnici emiliani della Enerplan – scrive oggi il quotidiano Trentino – potranno cosi’ trasferirsi con i loro tavoli da disegno in una parte non utilizzata dello stabilimento della New Twins di Avio. Il suo titolare, Francesco Ruffoli, e’ stato il primo a telefonare martedi’, dopo la prima scossa, al collega di Carpi, Corrado Faglioni, che con i suoi tecnici aveva realizzato lo stabilimento trentino. ‘Il piano superiore di 1.800 metri quadrati e’ libero e l’abbiamo messo a disposizione, era il minimo che potessimo fare’, dice Ruffoli.

‘Da noi il terremoto ha picchiato davvero forte’, afferma il titolare dello studio emiliano. ‘La nostra struttura sarebbe potenzialmente riparabile e operativa, ma c’e’ l’incognita di altre scosse e la nostra professione richiede grande concentrazione. Non si puo’ andare avanti con 60 scosse al giorno’. I dipendenti – dice Faglioni – hanno accettato di buon grado questa soluzione. Parte di loro sara’ alloggiata in Trentino e potranno utilizzare un servizio di navetta.

NESSUN COMMENTO

Comments