TEMPISMO PERFETTO | L’Espresso e l’inchiesta contro Salvini, “dov’è finito il tesoro della Lega?”. Querela in arrivo

Si punta il dito contro Matteo Salvini proprio ora che è diventato leader del centrodestra, proprio nei giorni in cui si sta cercando il modo di formare un possibile governo

Quando si dice tempismo perfetto. Il settimanale L’Espresso anticipa alle agenzie alcuni stralci di una propria inchiesta sui conti della Lega e sul “tesoro” del Carroccio, pubblicata nel numero che sarà in edicola da domenica 1aprile. Dov’è finita, si chiede L’Espresso, quella montagna di denaro?

Si punta il dito contro Matteo Salvini proprio ora che è diventato leader del centrodestra, proprio nei giorni in cui si sta cercando il modo di formare un possibile governo. Quale effetto avrà sulla attuale situazione politica italiana l’inchiesta dell’Espresso?

La Lega intanto ha già annunciato querela contro il settimanale l’Espresso per l’articolo, dal titolo: “I Conti segreti di Salvini”.

Per dovere di cronaca, riportiamo ciò che sta già circolando sulle agenzie di stampa da alcuni minuti.

L’INCHIESTA

“Dove sono spariti i 48 milioni di euro che il tribunale di Genova vorrebbe mettere sotto sequestro dopo la condanna di Bossi per truffa ai danni dello Stato?”, si legge in una nota.

La copertina dell’Espresso

“Da mesi i giudici di Genova sono a caccia di quei denari. Finora sui conti del Carroccio sono stati però rinvenuti poco più di 2 milioni. E gli altri? ‘Oggi sul conto corrente della Lega nazionale abbiamo 15 mila euro’, ha detto lo scorso 3 gennaio Matteo Salvini, l’aspirante premier, l’uomo che vuole l’incarico di governo e che non perde occasione per ricordare come il suo partito sia senza un quattrino”.

Governo, Salvini: “Si parte dal centrodestra” [VIDEO]. E apre al reddito di cittadinanza, “ma solo se a tempo”

“Alcuni documenti bancari, tuttavia, aiutano a comprendere meglio che fine ha fatto la ricchezza leghista”, si legge ancora nel comunicato diffuso da L’Espresso. “Facendo emergere un fatto inedito: sia sotto la gestione di Roberto Maroni, sia in seguito sotto quella di Salvini, parecchi milioni sono stati investiti illegalmente. Una legge del 2012 vieta infatti ai partiti politici di scommettere i propri denari su strumenti finanziari diversi dai titoli di Stato dei Paesi dell’Unione europea.

Il partito che si batte contro ‘l’Europa serva di banche e multinazionali’ (copyright di Salvini) ha cercato di guadagnare soldi comprando le obbligazioni di alcune delle più famose banche e multinazionali.

Ma c’è di più. In questa trama finanziaria si ritaglia un ruolo anche un’associazione finora sconosciuta. Si chiama Più voci. Una onlus come tante, ma di area leghista. Con una particolarità: è usata dalla Lega per ricevere finanziamenti dalle aziende, denari girati subito dopo a società controllate dal partito.

L’associazione è stata creata da tre commercialisti fedelissimi a Salvini nell’ottobre del 2015, nel pieno del processo per truffa contro Umberto Bossi e l’ex tesoriere Francesco Belsito. Non ha un sito web, nè sembra attiva nel dibattito pubblico. Di certo, però, su quel conto corrente hanno lasciato traccia lauti bonifici.

Chi ha finanziato la sconosciuta Più voci?

L’Espresso, in edicola da domenica 1 aprile, pubblicherà i nomi delle aziende e degli imprenditori (insospettabili leghisti) che hanno offerto il loro contributo alla Lega sovranista di Salvini. Alle domande de L’Espresso, il partito guidato da Salvini ha preferito non rispondere. Ha commentato, invece – conclude il comunicato -, chi ha versato parte dei contributi sul conto della onlus”.