Tempesta solare: satelliti, Gps e traffico aereo a rischio

‘Per ora si sono verificati dei black out nelle telecomunicazioni a onde corte, ma in seguito si potrebbero registrare problemi ben piu’ rilevanti alle telecomunicazioni satellitari e interruzioni ai sistemi Gps’. A elencare i possibili effetti della tempesta solare sulla Terra e’ Mauro Messerotti esperto di fisica solare e relazioni Sole-Terra dell’ INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste.
‘Il flusso di particelle generato dalla tempesta spaziale, impropriamente definita solare, va a perturbare il campo geomagnetico della Terra con effetti su molte delle nostre tecnologie’, ha detto l’esperto. La tempesta e’ iniziata subito dopo la mezzanotte del 7 marzo. ‘Si e’ verificato un brillamento – ha spiegato Messerotti – il secondo piu’ intenso del ciclo di attivita’ solare. A questo primo ne e’ seguito un altro, meno intenso. Questo ha generato un flusso di particelle, in particolare di protoni che ha investito i sistemi spaziali’. 

A parte qualche danno alle nostre tecnologie, non ci dovrebbero essere problemi diretti sull’uomo. ‘Se si escludono gli astronauti, non ci sono prove evidenti he dimostrino un impatto delle tempeste spaziali dirette sull’uomo’, ha precisato Messerotti. ‘Al massimo ci possono essere problemi sugli aerei che forse saranno costretti a modificare i propri piani di volo’, ha aggiunto.
In ogni caso non ci troviamo dinanzi a una tempesta particolarmente eccezionale. ‘Rientra nella normale attivita’ del sole’, ha sottolineato l’esperto. ‘Nulla a che vedere – ha continuato – con la super-tempesta solare del 1859, causata da un brillamento intensissimo osservato dall’astronomo inglese Richard Carrington che causo’ tempeste geomagnetiche, aurore polari e correnti elettriche indotte nei telegrafi’. Certo e’ che ‘se di  verificasse oggi una super-tempesta – ha concluso l’esperto – questa avrebbe un impatto notevole sulle attivita’ umane con, ad esempio, distruzione di satelliti, prolungati black-out della fornitura di corre! nte elet trica, delle comunicazioni radio e dei sistemi GPS’.

NESSUN COMMENTO

Comments