Tecnocasa, Il mercato delle locazioni

Euro Banconota Soldi Casa

Nel primo semestre del 2011 i canoni di locazione hanno registrato una diminuzione dei valori dello 0,4% sui bilocali e  sui trilocali. Anche nelle grandi città si segnala una contrazione dei valori dello 0,1% per i bilocali e dello 0,3% per i trilocali. Segnali leggermente positivi arrivano da Bari (+1,4% e +2%). Per quanto riguarda i valori medi  quelli più elevati si registrano a Roma (860 € al mese per un bilocale e 1070 € al mese per un trilocale) e a Milano (750 € al mese per un bilocale e 1020 € al mese per un trilocale).

Anche in questo semestre tra coloro che alimentano la domanda di immobili in affitto si registrano numerosi casi di persone che non riescono ad accedere al mercato del credito. Nonostante questo però i canoni non sono aumentati  a causa di una minore disponibilità di spesa dei potenziali affittuari e della maggiore offerta di abitazioni sul mercato.

L’analisi demografica di coloro che cercano casa in affitto ha evidenziato che: nel primo semestre del 2011 il 45,6% è rappresentato da single, il 37,4 % da coniugati, il 13,3% da separati. Per quanto riguarda le fasce di età il 48% di coloro che cercano casa in affitto ha un’età compresa tra 18 e 34 anni, il 27,2% ha un’età compresa tra 35 e 44 anni.

Il 62% di chi cerca in affitto lo fa per trovare l’abitazione principale, seguono coloro che cercano casa in affitto per motivi legati a trasferimenti di lavoro e quindi una motivazione di tipo professionale (34,7%) ed, infine, ci sono coloro che si trasferiscono per  motivi di studio (3,3%). Quanto alle tipologie di contratto di locazione, quello più praticato è il canone  libero (4+4), seguito da quello ad uso transitorio e infine da quello concordato. La domanda di abitazioni in affitto si concentra in particolare sui bilocali (41,8%), a seguire il trilocale (35,7%).

In questo semestre non sono emerse particolari novità. Infatti resta la maggiore rigidità da parte dei proprietari ad affittare l’immobile. Si desiderano sempre maggiori garanzie sull’affidabilità dell’inquilino e la continuità dei pagamenti dei canoni di locazione.

Anche i potenziali locatari sono sempre più esigenti nella ricerca dell’immobile e si evidenzia una maggiore facilità di affitto per le soluzioni di “qualità”, dove per qualità si intende non solo lo stato di conservazione dell’immobile ma anche la qualità dell’arredamento, la presenza di ambienti luminosi e di servizi in zona. La presenza del riscaldamento autonomo è apprezzata perché consente una riduzione dei costi condominiali.

Milano Nei primi sei mesi del 2011 i canoni di locazione di Milano hanno registrato un leggero calo, – 0,3% per i bilocali e -0,5% per i trilocali. Nelle zone centrali i valori sono rimasti sostanzialmente stabili. Si registrano più richieste da parte di studenti (sono in diminuzione quelli che acquistano nel cuore della città, dove i prezzi degli immobili hanno sostanzialmente tenuto). In diminuzione la ricerca di immobili in affitto da parte di società ed istituti di credito per i propri dipendenti. 

Nella zona di piazza Cinque Giornate si è riscontrato un lieve aumento dei canoni medi di locazione a causa della sempre più scarsa disponibilità di immobili in affitto e della crescente domanda . In questa prima parte dell’anno cercano soprattutto studenti universitari italiani e stranieri iscritti allo IED, l’Istituto Europeo di Design, alla ricerca di monolocali e bilocali arredati. La domanda nella parte finale dell’anno, invece, proviene da società che cercano appartamenti in affitto per i propri dipendenti, soprattutto trilocali di elevata qualità, ben rifiniti, arredati e con posto auto.

Aumentano leggermente i canoni in zona Padova-Crescenzago. Molti investitori hanno acquistato appartamenti di nuova costruzione per metterli a reddito. Trattandosi di soluzioni nuove, ben rifinite, dotate di posto auto o box, i canoni medi hanno subito un leggero rialzo dal momento che precedentemente l’offerta era composta principalmente da appartamenti degli anni ’60-’70. La domanda è costituita principalmente da single under 30 che non possono ancora permettersi di acquistare, alla ricerca di soluzioni di piccole dimensioni, soprattutto bilocali con angolo cottura. Non mancano richieste da parte di famiglie straniere alla ricerca di due o tre locali con cucina; molto ridotta, a differenza degli anni scorsi, la domanda da parte del personale paramedico dell’Ospedale San Raffaele e non si riscontrano richieste da parte di aziende o di studenti.

Un aumento dei canoni medi di locazione si registra anche in zona Forze Armate. Infatti le richieste di immobili in affitto è in aumento perchè risulta più difficile ottenere un mutuo per procedere all’acquisto. La domanda è alimentata soprattutto da immigrati che cercano trilocali e quattro locali. Gli italiani, lavoratori fuori sede, prediligono soluzioni più piccole, quasi sempre monolocali e bilocali arredati. In leggera diminuzione i canoni di locazione in zona Bonola-Trenno, a Milano. Chi non può acquistare e cerca in affitto (soprattutto single, studenti e lavoratori immigrati), indirizza le proprie attenzioni su soluzioni dai canoni non troppo elevati. La domanda è rivolta soprattutto su bilocali e trilocali nuovi ed arredati.

Roma Nei primi sei mesi del 2011 i canoni di locazione a Roma hanno segnalato un ribasso dello 0,9% per i bilocali e per i trilocali. Nelle zone centrali si registra una sostanziale stabilità con un leggero aumento dei valori di affitto nelle zone del Pantheon e nella zona dell’Esquilino.  I tagli più ricercati sono quelli piccoli, monolocali e bilocali arredati. La domanda è molto eterogenea: alcune società cercano soluzioni dalle ampie metrature per i propri dipendenti, mentre i giovani indirizzano le proprie preferenze su tagli più piccoli. Non vi è molta richiesta da parte di studenti, né da parte di lavoratori stranieri a causa dei canoni troppo elevati. Nella zona Esquilino la domanda proviene soprattutto da studenti e lavoratori; risultano poche, invece, le famiglie che cercano appartamenti in affitto. I tagli più richiesti sono quelli piccoli, monolocali e bilocali, arredati, ben rifiniti e dotati di posto auto. A Roma, in zona Eur, si riscontra un leggero aumento dei canoni medi di locazione dei bilocali sempre più richiesti da parte di lavoratori che lasciano i tagli più grandi a causa dei canoni troppo elevati e preferiscono condividere i bilocali. In diminuzione, invece, i canoni dei trilocali, taglio preferito dalle aziende che in passato affittavano questo tipo di appartamenti per i propri dipendenti ma che, ultimamente, preferiscono zone più nuove, come Fonte Laurentina o Torrino-Mezzo Camino. Ribasso dei valori in zona Boccea-Battistini. A cercare sono principalmente lavoratori trasfertisti, studenti e immigrati.

Non c’è molta richiesta, invece, da parte di famiglie. Il taglio più cercato è il bilocale. In rialzo, nei primi sei mesi del 2011, i canoni medi di locazione nel quartiere della Bufalotta, zona dove dal 2000 in poi sono state costruite numerose palazzine dotate di ascensore e posto auto. Inoltre in quest’area è stato costruito di recente un nuovo polo commerciale ed è in fase di realizzazione la nuova fermata della metro. Questo miglioramento dei servizi ha permesso un incremento della domanda ed ha causato l’aumento dei canoni medi. A cercare soluzioni in affitto sono famiglie e giovani coppie che non possono permettersi di procedere con l’acquisto, mentre non c’è molta domanda da parte di lavoratori stranieri e studenti universitari. Le soluzioni più richieste risultano bilocali e trilocali. In zona Monteverde Nuovo-Villa Pamphili i canoni di locazione hanno subito una flessione. A cercare sono principalmente single e giovani coppie alla ricerca di soluzioni dal taglio medio-piccolo ed arredate. Ci sono richieste anche da parte di famiglie alla ricerca di soluzioni più grandi. Nella zona Balduina i tagli più richiesti risultano i bilocali ed i trilocali dotati almeno di cucina, anche se i proprietari delle soluzioni più piccole, monolocali e bilocali, hanno dovuto abbassare le i canoni richiesti a causa della minore disponibilità di spesa di single, giovani coppie, studenti e lavoratori trasfertisti.

Napoli Nel primo semestre del 2011 i canoni di locazione a Napoli sono diminuiti dello 0,4% per i bilocali e dello 0,8% per i trilocali. Nella zona del Centro storico che si sviluppa intorno al Duomo si segnala un ribasso dei canoni di locazione dovuto ad una diminuita domanda di immobili in affitto soprattutto da parte degli studenti, da sempre numerosi in zona. Sono comunque sempre studenti e lavoratori fuori sede ad alimentare la domanda di immobili in affitto. Cercano soprattutto bilocali arredati.

Aumentano i canoni di locazione in zona Cavalleggeri d’Aosta a causa dell’elevata domanda da parte di famiglie che non possono permettersi di acquistare, lavoratori che si trasferiscono in città e studenti delle diverse facoltà universitarie presenti nei quartieri limitrofi. Bassa la domanda da parte di lavoratori stranieri. I bilocali ed i trilocali arredati ed in buone condizioni risultano le tipologie più richieste. Si è riscontrato un leggero aumento dei canoni medi di locazione a Napoli in zona Secondigliano-Quadrivio. Molte famiglie monoreddito non possono permettersi di acquistare e di conseguenza aumenta la domanda e i canoni di locazione. 

NESSUN COMMENTO

Comments