Sventato attentato nel cuore di Bruxelles, “ragazzi italiani stanno bene”

L’uomo, che avrebbe avuto una cintura esplosiva, è stato «neutralizzato» dalle forza di sicurezza che presidiano tutti i punti caldi della città

Ancora terrore nel cuore dell’Europa. A Bruxelles è stato sventato un attentato, nel cuore della capitale del Belgio. Un’esplosione alla Gare Centrale in serata. Alle 20,45 circa, secondo le prime ricostruzioni, un sospetto, vestito con camicia bianca e pantaloni neri, è entrato nell’atrio della stazione e quando è stato avvicinato dai militari delle forze di sicurezza ha fatto esplodere una valigia o una borsa senza causare troppi danni.

L’uomo, che avrebbe avuto una cintura esplosiva, è stato «neutralizzato» dalle forza di sicurezza che presidiano tutti i punti caldi della città. La procura federale belga ha comunicato che il sospetto terrorista è morto. L’attentatore prima di morire ha gridato Allah Akbar.

Il primo ministro belga Charles Michel ha convocato per mercoledì mattina il Consiglio nazionale di sicurezza.

“RAGAZZI ITALIANI STANNO BENE” “I ragazzi stanno tutti bene, stiamo tutti bene e ora siamo in hotel”. Rassicura cosi’ uno degli accompagnatori del gruppo dei 25 studenti molisani, Mariella Spaziano: il gruppo, subito dopo l’ attentato alla Gare Centrale della capitale belga, ha trascorso alcune ore in un ristorante per motivi di sicurezza finche’ le forze di polizia non hanno riaperto alla mobilita’ tutta la zona. A sancire la fine della brutta avventura una foto di gruppo nella hall dell’hotel. L’Unita’ di crisi della Farnesina e l’Ambasciata italiana a Bruxelles sono in costante contatto con il gruppo.