Spending review, -7mila posti letto in ospedali pubblici: salve la Regioni virtuose

Tagli ai finanziamenti per quasi 8 miliardi sommando anche gli effetti della manovra di Tremonti, con una riduzione sostanziosa delle spese per i farmaci e per gli acquisti, che non si tradurranno ‘in meno servizi’. E una sforbiciata graduale ai posti letto negli ospedali pubblici che si attestera’ intorno a settemila, a partire dal 2013. A fare il punto sugli interventi per la sanita’ (‘non tagli lineari ma un definanziamento’ orientato alla riduzione ‘di sprechi e inefficienze’ e a una ‘riorganizzazione complessiva del sistema’) il ministro della Salute, Renato Balduzzi, che parlando a un convegno del Pd ha difeso l’impianto del governo sulla revisione della spesa, dando disponibilita’ ‘gia’ da domattina’ a sedersi al tavolo con le Regioni per rimodulare gli interventi, fermi restando i saldi. E chiarendo che non dovrebbe essere coinvolte le Regioni ‘virtuose’, quelle cioe’ che gia’ sono in linea con i nuovi parametri stabiliti dal decreto spending review.

Oltre a convincere le Regioni della bonta’ dell’intervento del governo, il ministro dovra’ vedersela anche con i farmacisti, sul piede di guerra perche’ con i nuovi tetti alla spesa farmaceutica territoriale, e con lo sconto sostanzioso che dovranno fare al servizio sanitario nazionale, si vedranno costrette, secondo Federfarma, a mettere alla porta ‘circa 20mila persone’. L’associazione gia’ domani si riunira’ per valutare la controffensiva, che potrebbe portare alla gia’ preannunciata serrata delle farmacie per protesta.

E gia’ domani potrebbe esserci, intanto, il primo appuntamento con le Regioni per arrivare a chiudere il nuovo Patto per la Salute entro il 31 luglio, (‘la cosa piu’ bella che faccio nel mio mandato se ci riusciamo’, ha sottolineato Balduzzi). Ad attenderlo, il ministro trovera’ il muro delle Regioni che paventano, come ha detto a chiare lettere Vasco Errani, il rischio di implosione di sistema che ‘con questi tagli’ non puo’ ‘reggere’ e anzi, e’ spinto ‘verso la sanita’ privata’. Nella loro battaglia, ha garantito il segretario Pier Luigi Bersani, le automie avranno la sponda del Pd che in Parlamento e’ pronto ‘a fare la sua parte’, a patto che si eviti ‘la rottura istituzionale con le Regioni’ che renderebbe ‘ingovernabile il processo’. Sul capitolo posti letto, il decreto prevede che si raggiunga lo standard di 3,7 posti per mille abitanti, gradualmente e attraverso gli atti di programmazione che le Regioni dovranno mettere a punto entro novembre. La media attuale, secondo i tecnici, e’ di 3,9, quindi il taglio dovrebbe essere meno pesante di quello ipotizzato in un primo tempo (circa 18mila partendo da una media di 4 per mille abitanti). In totale, considerando anche il taglio che si dovra’ fare sui posti letto delle strutture private accreditate, si dovrebbe arrivare a circa 12mila posti letto in meno. Misura che pero’ non dovrebbe riguardare quelle Regioni che gia’ rispettano il nuovo standard, sulle quali il ministro ha garantito che non si andra’ ad infierire. Cosi’ come non ‘saranno toccate’ quelle Regioni che gia’ hanno fatto economie negli acquisti di beni e servizi, per le quali ‘il decreto prevede anche una quota premiale’.

NESSUN COMMENTO

Comments