“Sesso e spettacolo? Paese che vai, zoccole che trovi”: parla Lele Mora

“Scandalo Hollywook? Queste cose accadono anche in Italia. Tantissime donne pensano che quella cosa che hanno tra le gambe sia un bancomat…”

Lele Mora ha parlato dello scandalo che ha travolto il mondo Hollywood, attrici anche famosissime che hanno subito avances o tentativi di stupro da importanti produttori. “Dinamiche simili succedono anche in Italia”, assicura Lele Mora a Radio Cusano Campus, “succedono a chi vuole che succedano. A volte chi va nel dimenticatoio o non è più sotto le luci dei riflettori cerca di tornare a far parlare di sé dicendo di essere stata violentata. Se una non la vuole dare non la dà, la violenza è quella che è capitata a quella donna a Rimini, non queste storie. Nel mondo dello spettacolo non esiste violenza, credetemi, se una vuole darla via lo fa perché le piace o per raggiungere i suoi obiettivi”.

“Non è la persona potente che cerca le donne o gli uomini per andarci a letto, ma sono le donne e gli uomini a cercare la persona potente per raggiungere i propri obiettivi. E quando è il momento, se una persona non ti piace, non ti va, gli puzza l’alito, tu fai qualcosa solo se tu lo vuoi fare. Per salire da me nel mio ufficio c’erano persone disposte a tutto, a qualsiasi cosa, erano pronte anche a prostituirsi gratuitamente davanti alla mia persona. Ma non ho mai fatto questo genere di cose. Avevo la fila di uomini e donne pronti a qualsiasi cosa pur di venire a lavorare con me. Se devo dirla tutta, c’erano donne che venivano da me per essere portate ad Arcore solo per incontrare Silvio Berlusconi e chiedere cortesie. Io non ho mai portato donne ad Arcore, ho portato solo persone di una certa cultura, di una certa carineria e di una certa dolcezza. Ma nulla di più”.

“Oggi è cambiato il mondo, una volta erano gli uomini che rincorrevano le donne, oggi sono le donne che dicono mi faccio quel produttore là perché sicuramente mi darà una mano. E credetemi, ce ne sono tantissime che poi ci sono riuscite. Ma con questo non ottieni il successo, ottieni la popolarità. Sono due cose differenti. Oggi cercano tutte di diventare cantanti, presentatrici, attrici, questo non è un lavoro semplice, serve prepararsi, studiare, tutte pensano che quella cosa che hanno tra le gambe sia un bancomat. Questo è diverso. Lo possono fare le escort o i toyboy. Vi dico un’altra cosa. Paese che vai, zoccole che trovi”.