“A fare il senatore ci rimetto”, ecco chi l’ha detto

“Anche ora che guadagno 5mila euro al mese. Verdini? Assente in Senato perché fa vera politica”

Vincenzo D’Anna, senatore di ALA, è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano. Con i conduttori del programma, Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, ha parlato della proposta del Movimento Cinque Stelle sulla riduzione dei costi della politica e non solo, lasciandosi andare a dichiarazioni destinate a far discutere.

“La vera casta è quella dei magistrati, che hanno stipendi altissimi, ferie raddoppiate e non destano mai scandalo, a differenza degli stipendi dei parlamentari, che sono circa la metà rispetto a quelli dei magistrati. Ma nei confronti dei politici ormai c’è rancore, sia da parte di chi non riesce ad ottenere niente più dallo Stato sia da parte di coloro furbi e scaltri che contestano la classe politica per paura di dover perdere qualche privilegio”, spiega D’Anna.

Parlando della proposta di legge presentata dal Movimento Cinque Stelle sulla riduzione dei costi della politica, D’Anna è scettico: “E’ una scemenza, è tutta propaganda. Eliminare la diaria per noi significherebbe non poter più stare a Roma ed eliminare segreterie dove poter ricevere cittadini ed amministratori, poi non bisogna lamentarsi che i politici non li si vede. Mettere a 2.500 euro lo stipendio dei parlamentari, significa che la prossima volta si troveranno in Parlamento cassaintegrati, lavoratori socialmente utili, impiegati delle poste e del catasto. Non ci sarà né un professionista, né un imprenditore, né una personalità che con 2500 euro al mese accetterebbe di fare il parlamentare. I Cinque Stelle, per il 98%, sono composti da persone che non avevano reddito, per loro 2500 euro al mese sono un signor stipendio. Il nostro è un mandato a tempo, non è un lavoro. In Parlamento vai a fare il legislatore, non l’amanuense. Il compito è delicatissimo, mi pare che prendere la metà di un primario ospedaliero o di un generale dell’esercito non sarebbe affatto giusto, mi sembra un avvilimento. E’ uno di quegli esercizi demagogici che vanno di moda in questa Italia dove i fessi e i frustrati hanno facebook e i social per vomitare sul mondo intero”.

D’Anna, poi, ha raccontato che con lo stipendio che prende ora da parlamentare ci rimette: “Io già ci rimetto guadagnando 5000 euro al mese, con 2500 euro non ci andrei nemmeno a Roma. Anche io ho una famiglia, dei figli e dei nipoti, non posso rimetterci nel fare il parlamentare. Questa lotta ad oltranza contro i parlamentari che senso ha? I Cinque Stelle campano di politica, perché erano nullatenenti e nullafacenti. Di Maio faceva lo steward, per lui 2500 euro sono un buono stipendio, ma per le personalità che sono in Parlamento no. I Cinque Stelle in Parlamento hanno trovato l’America, è chiaro che per chi guadagnava zero, 2500 euro al mese sono una bella cifra. L’opinione comune non può essere quella dei rancorosi, governata dall’invidia sociale. In Parlamento che facciamo, ci mandiamo i pensionati al minimo o i dipendenti statali di rango inferiore che non arrivano a 2500 euro al mese? Cosa vogliono i cittadini, persone di qualità o persone che vanno a cercare uno stipendio migliore di quello che percepivano?”.

Sul referendum: “D’Alema ha detto che i giovani non vogliono vedere Verdini al governo? Lui ha fatto il Presidente del Consiglio con i voti di Mastella, Cossiga e Casini, senza che nessuno l’avesse mai indicato come Premier, si figuri un po’ se è in grado di poter giudicare Verdini. Verdini risulta tra i maggiori assenteisti in Senato? E certo, Verdini fa politica, è un organizzatore, chi fa vera politica spesso va poco in Parlamento”.

Alla fine, D’Anna, ha attaccato Massimo Giletti: “Ci sono trasmissioni che sono fatte per delegittimare i parlamentari, per dileggiare i politici e alimentare l’antipolitica per voler dare l’idea che i parlamentari siano una massa di ignoranti.  Come quella trasmissione della domenica, quella trasmissione con Sposetti…Ah no Giletti…che parla sempre di stipendi, vitalizi, fanno spettacolo sugli stipendi del Parlamento e dei parlamentari, mandano due o tre giornalisti free lance molto scostumati a fare qualche trappola a qualche parlamentare e lì ci fanno spettacolo…D’Alema che si è arrabbiato per gli agnolotti? Una la domenica mattina non vorrebbe essere rotto i coglioni con gli agnolotti, ma comunque io gli agnolotti me li sarei mangiati, sono un poco grassottello”.