Seicentonovecento: domani a Chieti il Barocco di Bougeat-Coluccio

Sarà il duo Bougeat-Coluccio il protagonista del secondo appuntamento con il Festival Seicentonovecento 2011. Inaugurata a Vasto lo scorso 30 luglio con i Fairy Consort, la tredicesima edizione del Festival di musica antica promossa dall’associazione pescarese Ensemble ‘900 prosegue domani martedì 2 agosto a Chieti nella chiesa di S. Chiara con un repertorio di musica barocca.

Alle 21 l’organista Paolo Bougeat e il violinista Adriano Coluccio proporranno la “Follia” dell’Opera V di Arcangelo Corelli, brani di Jan Pietrzoon Sweelinck e Francesco Antonio Bonporti, e sonate dei settecenteschi Georg Friedrich Haendel e Gaetano Valerj.

Paolo Bougeat si è diplomato a Torino in organo e composizione organistica e in clavicembalo e si è perfezionato nel repertorio organistico francese antico, romantico e contemporaneo. All’attività di organista e clavicembalista affianca quella da compositore e didatta e conduce un’instancabile ricerca di documenti musicologici.

Adriano Coluccio ha una Laurea di secondo livello AFAM di violino barocco presso il conservatorio di Milano, ha collaborato con diversi enti lirici e sinfonici nazionali ed attualmente fa parte dell’Orchestra sinfonica della valle d’Aosta. Dal 1990 insegna violino presso la Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta, dove ha inserito nel 1992 i corsi Suzuki formando un nucleo orchestrale che nel 2001 ha inciso un CD per l’Unicef. 

L’ingresso è simbolicamente di 1 euro, che sarà destinato, per il terzo anno consecutivo, alla borsa di studio di un ricercatore scientifico della Fondazione Negri Sud Onlus di Santa Maria Imbaro. In caso di sottoscrizione di abbonamento (15 €) sarà dato in omaggio anche il cd di inediti dei compositori seicenteschi abruzzesi Michele Mascitti, Pietro Marchitelli e Carlo Cotumacci, tutti e tre di Villa Santa Maria (Ch), e di Giuseppe Corsi, di Celano (Aq), da pochi mesi raccolti in un disco registrato lo scorso ottobre a Lanciano per la collana “Tesori musicali abruzzesi”. Il cd sarà messo in vendita anche in occasione dei concerti, al prezzo di 10 €.

NESSUN COMMENTO

Comments