Santo Domingo, concluso vertice Celac-Ue: impegno su sfide comuni

E presto summit su Colombia e Venezuela: “La Ue è per uno sforzo comune per il dialogo come suggerito dalla Santa Sede”

Il vertice dei ministri degli Esteri della comunità dei Paesi latino-americani (Celac) e Ue si e’ concluso a Santo Domingo con una Dichiarazione con cui i firmatari si sono impegnati a rafforzare il dialogo reciproco. L’impegno guardera’ anche alla soluzione di sfide comuni tra cui i cambiamenti climatici oppure il processo di pace in Colombia. Su quest’ultimo tema i ministri hanno deciso che prossimamente si terra’ una due giorni di incontri, durante i quali si affrontera’ anche l’attuale crisi politica in Venezuela. Sebbene nessuna delle due questioni fosse in agenda, i ministri ne hanno comunque parlato attraverso brevi incontri bilaterali. Con la Dichiarazione di Santo Domingo ci si assume anche un maggior impegno finanziario in vista del contrasto al riscaldamento globale.

Dunque nella conferenza stampa finale del vertice tra i ministri degli esteri dell’America latina e dell’Ue irrompe la questione venezuelana. L’Alto rappresentante per la politica estera europea e la sicurezza, Federica Mogherini, afferma: “Siamo stati tenuti informati di quanto accade. La Ue e’ per uno sforzo comune per il dialogo come suggerito dalla Santa Sede, noi crediamo che sia necessario il rispetto dei meccanismi costituzionali da ambo le parti per un percorso costruito astenendosi da ogni violenza”.

Durante il suo intervento al Celac, Mogherini ha detto: “Sono tempi di cambiamenti per il continente latinoamericano. Tempi in cui antiche divisioni sono cadute, ma le transizioni non sono mai lineari. Percio’ noi abbiamo la responsabilita’ di governare il cambiamento”.

Mogherini ha voluto ricordare che i Paesi di questi due continenti “sono chiamati ad affrontare sfide enormi, ma possiamo farcela con successo. Penso ai cambiamenti climatici, all’economia, alla sicurezza e alla migrazione. Però – ha sottolineato l’Alto rappresentante Ue – dobbiamo essere forti e cambiare insieme. Uniti possiamo realizzare un nuovo legame transatlantico, Uniti possiamo realizzare di più”.

Poi un ultimo pensiero per il recente premio Nobel per la pace, “che ha ricevuto la Colombia e tutta l’America latina”. “L’Ue appoggia pienamente lo sforzo dei colombiani per conseguire una pace stabile e duratura. Seguitiamo a sostenerlo per aprire un nuovo capitolo in Colombia”, ha concluso.