Rosato (Pd), “per il M5S Berlusconi è passato da male assoluto a utile alleato”

“La più grande azienda culturale italiana non può essere guidata dall’antivaccinista e filoputiniano Foa. Accordo su Foa in cambio di favori a Mediaset? C’è una cronologia di eventi preoccupante e sospetta”

Ettore Rosato, deputato del Pd e vicepresidente della Camera, intervenuto a Radio Cusano Campus sull’accordo governo-Forza Italia su Foa presidente Rai ha detto: “Berlusconi è sempre stato mezzo in maggioranza e mezzo fuori. Questo lo certifica la volontà di chiudere un’alleanza anche con Berlusconi quando serve, in questo caso gli serviva e l’hanno chiusa. Avranno fatto un accordo che mi sembra verrà esplicitato nelle prossime settimane anche sull’aspetto complessivo della Rai, anche sui direttori, una cosa su cui tra l’altro Berlusconi è abbastanza preparato. E’ la contraddizione di quello che i 5 Stelle hanno sempre detto, cioè che Berlusconi era il male assoluto, adesso Berlusconi è l’utile alleato.

Su Marcello Foa. “Non do giudizi sulla persona, però penso che alla guida della più grande azienda culturale italiana hanno messo una persona che si è espresso in maniera volgare e durissima contro il Presidente Mattarella, è un antivaccini, è un filo Putin quindi ha tutte le caratteristiche per cui si dice non è una persona di quelle che rappresenta il Paese nella sua complessità. In una società pubblica come la Rai, che è una società di informazione, non è assolutamente il profilo giusto”.

Sul caos nel Pd. “Si è parlato anche troppo in queste settimane. Adesso dobbiamo fare rapidamente il congresso e più rapidamente lo facciamo e meglio è,perché questo dibattito che si è inscenato non fa bene al nostro partito”.