Romani e napoletani i latin lover italiani

La propensione al flirt dipende dalla regione: romani e napoletani sono primi. Ma anche i siciliani sono sul podio

Ecco il ranking di SpeedDate.it delle «regionalità» più dinamiche nella ricerca di un partner: sono proprio il Lazio e la Campania a guidare la classifica con il 68% degli uomini -in entrambe le regioni- a cercare attivamente di conquistare una donna. Seguono breve distanza la Sicilia, anch’essa sul podio con il 65%, e poi l’Emilia Romagna con il 59%, la Toscana con il 57%, il Piemonte con il 52% e la Lombardia con il 48%.

Quali sono le regioni con gli uomini con la maggiore propensione a conquistare una donna? La propensione dipende in larga misura dalla provenienza dei single: a metterlo in evidenza è una ricerca condotta da SpeedDate.it, il portale che offre ai cuori solitari il modo più veloce e divertente per incontrare nella vita reale gente nuova e nuovi potenziali partner, secondo la quale i romani ed i napoletani sono ancora oggi latin lover.

Ma tra i latin lover figurano anche i siciliani, gli emiliani-romagnoli, i toscani ed i piemontesi. Secondo quanto ha rilevato SpeedDate.it, più che gli abitanti di altre regioni, sono proprio loro ad essere all’assidua ricerca della loro anima gemella e per farlo prendono maggiormente l’iniziativa.

Ed è infatti proprio il Lazio e la Campania a guidare la classifica di SpeedDate.it con il 68% dei single che cerca attivamente un partner, seguiti a breve distanza da Sicilia (65%), anch’essa sul podio, e poi da Emilia Romagna (59%), Toscana (57%), Piemonte (52%) e Lombardia (48%).

Per conquistare una donna, inoltre, i campani -ed in particolare i napoletani- non badano a spese. In questo hanno qualcosa in comune con i lombardi -ed in particolare con i milanesi- ma in Lombardia i single sono meno attivi, meno propositivi.

«In queste sette regioni la tendenza è comunque a volere essere dei latin lover alla moda, sempre attenti anche alla forma fisica, con tanto desiderio di uscire e divertirsi» spiega Giuseppe Gambardella, ideatore di SpeedDate.it e di SpeedVacanze.it, portale quest’ultimo dedicato ai viaggi per single.

Ed è così che in queste regioni la spesa dedicata alla gestione degli incontri è maggiore rispetto ad altri contesti geografici.

Insomma, qui più che altrove, chi il partner non ce l’ha, nel tentativo di trovarne uno, si mostra più generoso. «Per fare colpo quando escono per un appuntamento i single non badano a spese» aggiunge Roberto Sberna, direttore generale di SpeedDate.it.

Nella media, considerando tutte le regioni, per il dating i single italiani spendono comunque di più dei single degli altri Paesi europei. Secondo l’analisi di SpeedDate.it, infatti, in Italia ciascun single spende mediamente 120 euro mensili per il dating, un budget di 1.440 euro l’anno.

Eppure Milano, storicamente considerata la città italiana dei single, si è posizionata al sesto posto. Secondo SpeedDate.it in questo caso i motivi della maggiore incidenza della spesa sono da ricercare nella determinazione dei single lombardi di divertirsi. Essi, infatti, spendono il doppio anche per il tempo libero e per i viaggi, come dimostra anche il boom di iscrizioni registrato quest’anno dal portale SpeedVacanze.it.