Roma, Virginia Raggi a Totti: “#Famostostadio rispettando le regole”

Il capitano: "Vogliamo il nostro Colosseo moderno, una struttura all'avanguardia per i nostri tifosi". Virginia, “ti aspettiamo in Campidoglio per parlarne”

“Caro Francesco @Totti ci stiamo lavorando. #Famostostadio nel rispetto delle regole. Ti aspettiamo in Campidoglio per parlarne”: lo scrive su Twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Dopo il parere non favorevole al progetto da parte dell’amministrazione capitolina, il capitano della Roma aveva scritto ieri sempre sul microblog: “Vogliamo il nostro Colosseo moderno, una struttura all’avanguardia per i nostri tifosi e per tutti gli sportivi! #FamoStoStadio”.

L’hashtag #famostostadio sta spopolando dopo l'”irruzione” in diretta a Sky del tecnico della Roma, Luciano Spalletti: “A Roma va fatto lo stadio! Famo ‘sto stadio – aveva detto ai microfoni della televisione satellitare il tecnico toscano, imitando la parlata romana – E non solo a Roma, gli stadi vanno fatti per tutte le squadre in tutta Italia”.

Insomma, dopo il pressing del club giallorosso, prove di ricucitura sono in corso tra Trigoria e il Campidoglio in relazione al progetto che dovrebbe vedere la luce a Tor di Valle, proprio alla vigilia dell’incontro fissato per domani tra Roma Capitale e club giallorosso.

“Vedo che sullo Stadio il Comune sta cambiando idea. Se è così, entro il 3 marzo produca atti ufficiali” incalza su Twitter il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Lo scorso 2 febbraio era stata proprio la Regione a rendere noto che il parere unico di Roma Capitale sul progetto definitivo dello Stadio della Roma non fosse favorevole.

“Sul progetto definitivo c’è la volontà ad andare avanti per analizzare il dossier”, aveva comunque immediatamente precisato il Campidoglio, spiegando che “proprio per questo motivo è stata chiesta la proroga di trenta giorni della Conferenza dei Servizi. Riserve sono state espresse sui livelli di sicurezza stradale, veicolare e pedonale nella consapevolezza che ci sono trenta giorni per intervenire. C’è una lista di temi da affrontare nel periodo di sospensione; ci sono tutti i margini per concludere positivamente la procedura”. Sapremo come finirà già nelle prossime ore. Forse.