Roma ricorda Marlene Dietrich – di Beatrice Boero

Roma ricorda una grande artista scomparsa, che ha rappresentato un’epoca. L’evento si terrà il 25 maggio prossimo alle 21 al Teatro Ghione, in via delle Fornaci 37. Quince riporta sulle scene “Marlene D. The Legend”, per ricordare il ventennale dalla morte della grande Marlene Dietrich. Scritto e diretto da Riccardo Castagnari e interpretato da Quince, lo spettacolo è un gioco di scambi e disvelamenti interpretato da un quanto mai intenso Quince che, non è più un mistero, è il volto di scena che Riccardo Castagnari ha costruito undici anni fa per raccontare questa storia di Marlene divisa fra palco e vita. Al pianoforte Andrea Calvani (nel ruolo di Burt Bacharach) che cesella diciotto arrangiamenti da altrettanti indimenticabili successi: da “La vie en Rose” a “Johnny”, da “Lola” a “Lili Marlene”.

Lo spettacolo compie quest’anno 11 anni, festeggiati con un tour che ha toccato, fra le altre città, Torino e Napoli. Nasce infatti nel 2001, per l’anniversario della nascita della Dietrich. Lo spettacolo è stato definito come “una delle interpretazioni più sorprendenti degli ultimi anni”. Quello che da sempre ha infatti caratterizzato il commento comune di pubblico e critica è stata proprio la metamorfosi che l’attore compie per trasformarsi nel personaggio, tanto da non riuscire più a capire alla fine se stiamo applaudendo l’interprete o la stessa Dietrich. "La magie opère", la magia si compie, come ha scritto la stampa francese. “Castagnari non ‘fa’, ma ‘è’ Marlene”, come ha scritto sia quella italiana, che francese che messicana. Quince in Marlene D., ovvero uno spaccato di vita della leggendaria Marlene Dietrich quando, cinquantenne, abbandona il cinema per dedicarsi al canto. La preparazione meticolosa ad uno dei suoi concerti. I suoi amori, i retroscena nascosti della sua solitudine, lo sfarzo dei suoi costumi… Il tutto accompagnato dalle più belle canzoni che lei ha cantato sui palcoscenici di tutto mondo e, qui, eseguite rigorosamente dal vivo con l’accompagnamento del pianoforte.

Ma perché ad interpretarla è un uomo? Il segreto è la chiave di volta dello spettacolo e sarà proprio quel segreto a consolidare l’amicizia che nascerà tra lei e il suo interprete: Quince (pseudonimo sotto il quale per anni si è celato lo stesso Castagnari). Lo spettacolo, in scena dal 2001, è diventato un successo internazionale, da Città del Messico a Parigi, con innumerevoli riconoscimenti, tra i quali il premio Marius 2009 ottenuto a Parigi come migliore spettacolo musicale dell’anno, categoria adattamento francese, e la nomination a Quince come miglior attore protagonista. Dopo oltre tre mesi sulle scene francesi, l’incontro con Pierre e Gilles ha consacrato Quince/ Marlene tra le icone del loro gotha fotografico. Quince, al secolo Riccardo Castagnari, vuole rendere omaggio a Marlene in un’unica data di maggio, a 20 anni dalla sua dipartita terrena, avvenuta appunto il 6 maggio 1992, nella splendida cornice del teatro Ghione.

NESSUN COMMENTO

Comments