Roma, Luxuria: ‘Salvini in fondo tifa per Virginia Raggi’

Vladimir Luxuria è intervenuta questa mattina su Radio Cusano Campus e ha parlato della nuova edizione del gay village: "Le novità dell’edizione di quest’anno? Apriamo prima, il primo giugno. E poi abbiamo accolto l’appello del ministro Giannini, di tenere aperte le scuole d’estate. Trasformeremo il gay village in un gay village collage. Sarà una grande aula in cui insegneremo la musica, il divertimento, il rispetto reciproco. E ci saranno anche delle lectio magistralis. Io ovviamente farò la preside. Si parlerà anche di educazione sessuale e educazione civica cercando di abbinare l’impegno al divertimento".

Luxuria, poi, ha svelato un aneddoto legato a Virginia Raggi: "Quest’anno festeggeremo al gay village con due grandi donne, che sono Micaela Campana e Monica Cirinnà, per l’approvazione delle unioni civili. Poi abbiamo chiesto a Fassina, Giachetti e Virginia Raggi di venire il 2 giugno a confrontarsi non tra di loro, ma con la comunità gay, per chiedere loro cosa intendano fare per Roma su certe tematiche come bullismo, prevenzione, aggregazione, lotta alle discriminazioni. Lo abbiamo chiesto a loro tre perché abbiamo escluso i candidati che hanno detto stupidaggini come ‘se diventerò sindaco non celebrerò le unioni gay’, tipo Marchini o Meloni”.

“Verranno solo Giachetti e Fassina,Virginia Raggi purtroppo ha declinato l’invito. Lei dice che aveva altri impegni, ma secondo me il motivo è un altro. Lei sta già facendo l’occhiolino agli elettori di destra. E’ chiaro che al ballottaggio tutti quelli di destra voteranno per lei, anzi penso che a tifare per Virginia Raggi già da adesso non ci siano solo gli elettori del Movimento Cinque Stelle. Anche Salvini vuole la vittoria di Virginia Raggi. Vuole essere l’unico leader della destra, ha bollito Berlusconi e ora sotto sotto spera nella sconfitta di Giorgia Meloni, che perdendo a Roma perderebbe tantissima credibilità. Salvini non vuole che vinca la Meloni, Salvini tifa Raggi e Virginia mantiene il piede in due staffe e non verrà al gay village perché teme di perdere i voti della destra. Il Movimento Cinque Stelle già al suo interno ha tante simpatie destrorse".