Roma, IBAC 2012 in Campidoglio – di Beatrice Boero

IBAC 2012 in Campidoglio. Al centro gli investimenti privati per Roma. Sviluppo di Roma al meeting IBAC. Il 23 marzo, presso la Sala Bandiere, il Sindaco di Roma Alemanno, il delegato per Ibac 2012 Mollicone, e Sir Martin Sorrell, fondatore del gruppo Wpp, leader mondiale nei servizi di comunicazione e advertising, hanno svolto un incontro per la conferenza stampa di chiusura di Ibac 2012. In questa occasione, sono state rese note le cifre degli investimenti privati disponibili nei prossimi mesi su Roma.

Sono intervenuti alla convention Isabella Rauti (consigliere regionale) e Cristiana Falcone Sorrell, in merito al D-program che si è svolto nella mattinata presso i Mercati di Traiano con la presentazione di programmi di solidarietà in Giordania. Fra le iniziative principali discusse: il nuovo Waterfront di Ostia (600 milioni di euro), la riqualificazione di Tor Bella Monaca (1,2 miliardi di euro), il Secondo Polo Turistico.

Roma, nei prossimi anni, avvierà progetti per 8,3 miliardi di potenziali investimenti finanziati prevalentemente con risorse private (7 miliardi di euro). Il punto sui progetti di sviluppo, infrastrutturale e urbanistico della città è stato fatto in Campidoglio, nel corso del meeting Ibac (International Business Advisory Council), al quale hanno partecipato oltre quaranta, fra presidenti e amministratori delegati di varie aziende italiane e internazionali. La terza edizione di Ibac si è focalizzata soprattutto sulla leva degli investimenti privati come strumento per rilanciare il ruolo di Roma.

Fra i progetti che sono stati analizzati nel corso del meeting, partendo dal Piano Strategico di Sviluppo Capitolino, c’è la realizzazione del Museo della Città in via dei Cerchi (150 milioni di euro). Inoltre, si è parlato del Sistema Direzionale Orientale (Sdo) di Pietralata, che prevede la costruzione di housing sociale, un centro direzionale per il terziario, un polo biotecnologico universitario e nuove sedi per la pubblica amministrazione. Durante il meeting di Ibac si è dibattuto poi dello sviluppo della rete infrastrutturale romana a sostegno di nuovi attrattori turistici come la Fiera di Roma, il Centro Congressi dell’Eur, il nuovo Mercato dei Fiori. Fra gli altri argomenti, anche la necessità di snellire le procedure burocratiche e di potenziare l’Ict (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione) attraverso la creazione di una factory della creatività. Spazio anche all’economia solidale con la promozione di alcuni progetti nel regno di Giordania.

NESSUN COMMENTO

Comments