Roma, 90mila famiglie non pagheranno la TIA – di Beatrice Boero

Roma Capitale per le famiglie. Nuove esenzioni in vista per i cittadini della città eterna. Sono novantamila le famiglie romane che non pagheranno la TIA (Tariffa Igiene Ambientale), la ex Tari. Questo grazie all’introduzione del quoziente familiare, denominato “Quoziente Roma”, voluto dal Campidoglio, grazie ad un investimento di 27 milioni di euro. L’applicazione del Quoziente Roma prevede, in particolare, delle correzioni al metodo di calcolo dell’Isee, che sarà calibrato mediante un quoziente familiare che tenga conto dei fattori di capacità produttiva, come il numero dei figli minori di 25 anni, la condizione temporanea di difficoltà economica, e gli oneri sostenuti per la cura familiare e le spese essenziali.

Con il Quoziente Roma si potranno avere una serie di agevolazioni. Innanzitutto viene varata la Tariffa Igiene Ambientale (TIA ex Tari). Si è esenti dal pagamento della TIA con Quoziente Roma, calcolato sulla base dell’Isee, inferiore a 6.500 euro.

Altre agevolazioni sono le seguenti: in primo luogo asili nido e scuole dell’infanzia. Le famiglie composte da tre o più figli minorenni saranno esentate dal pagamento della quota del nido, a prescindere dal reddito. La tariffa media mensile è di 146 euro. In secondo luogo vi sono sgravi che riguardano le tariffe per la ristorazione scolastica. Esentati dal pagamento della tariffa i redditi Isee fino a 5.165 euro. Sono previsti, inoltre, una serie di “scalini” che faranno variare la tariffa, da un minimo di 30 euro, ad un massimo di 80 euro. Quest’ultima possibilità, avviene quando si ha un indicatore Isee superiore a 45.000 euro. La fascia fino a 30.000 euro, ovvero l’85% degli utenti, ha avuto un incremento tariffario massimo di 13,76 euro mensili. L’iniziativa rappresenta una grande agevolazione, soprattutto per le famiglie romane con figli a carico.

NESSUN COMMENTO

Comments