Roma 2020, No al ‘MangiaMangia’. Prepararsi al Giubileo del 2025

Nell’immaginario collettivo i grandi eventi assumono la configurazione della grande abbuffata, del "MangiaMangia". Gli scandali che hanno caratterizzato avvenimenti sportivi o altro, hanno consolidato nell’opinione pubblica il convincimento che le gare d’appalto per i lavori si trasformino in gare d’assalto ai soldi pubblici, cioe’ del contribuente. L’ultimo grande evento, i Mondiali di Nuoto del 2009, con l’incompiuto e costoso Polo Natatorio, conferma l’opinione diffusa. Un altro appuntamento, pero’, e’ gia’ fissato: il Giubileo del 2025. Subito dopo il Giubileo del 2000, scrivemmo all’allora sindaco Rutelli sollecitandolo per i provvedimenti del successivo Giubileo. C’era tutto il tempo e si puo’ fare tesoro dell’esperienza passata, dicevamo. Ripetemmo l’invito al Sindaco Veltroni ed Alemanno, ma i tempi dei partiti e del politicismo non sono quelli della programmazione. Ora, ripetiamo l’appello: saltate le Olimpiadi del 2020  si puo’, ancora, pensare e
programmare il Giubileo del 2025.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc*
 *Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

NESSUN COMMENTO

Comments