Ristorante, lasciare la giacca e non trovarla più

Inizia il freddo  cappotti, e quant’altro, vengono tirati fuori dagli armadi. La sera sono d’obbligo e andare a cena al ristorante puo’ riservare sorprese. Pagato il conto al cameriere, ci si avvia verso l’appendiabito e inaspettatamente ci si accorge che la nostra giacca, il soprabito, il cappotto o il giubbotto non ci sono piu’. Si cerca freneticamente ma il risultato e’ lo stesso. E’ una situazione sgradevole che puo’ succedere, specialmente quando, per moda, una tipologia di vestiario si diffonde e piu’ persone acquistano lo stesso prodotto. Anni fa un tipo di giubbotto di pelle era cosi’ diffuso che, per evitare scambi indesiderati, si usava scrivere sull’etichetta interna il proprio nome e numero telefonico. In caso di furto il ristoratore puo’ essere chiamato in causa? No, se l’appendiabito e’ in sala, sotto gli occhi di tutti, se invece l’abito viene consegnato in custodia al personale di servizio, per essere riposto nel guardaroba, allora il ristoratore puo’ essere chiamato a risponderne. Attenzione quindi a soprabiti e cappotti al ristorante: dopo il conto, una sgradevole sorpresa puo’ rendere la cena indigesta!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc*
*Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

NESSUN COMMENTO

Comments