Rimborsi elettorali, Straquadanio (PdL): siano i privati a finanziare i partiti

Sul finanziamento dei partiti, ‘mi spiace dirlo, ma stavolta e’ Cicchitto che sbaglia’. E’ quanto sottolinea Giorgio Straquadanio, deputato PdL, in una dichiarazione. ‘Mi spiace di dover contraddire il mio capogruppo, Fabrizio Cicchitto ma se c’e’ qualcuno che si e’ assunto una responsabilita’ grave in questo momento e’ chi ha pensato di gettare il fumo negli occhi dell’opinione pubblica con una leggina sbagliata per almeno tre motivi:

1 – Dovrebbe istituire verifiche e controlli su qualcosa che la legge italiana non prevede, il finanziamento pubblico dei partiti (non si chiamava rimborso elettorale?) e quindi ne prevede la successiva istituzione in via surrettizia.

2 – Rimanda a un’altra legge, quella dell’attuazione dell’articolo 49 della Costituzione l’istituzione su che cosa si dovrebbe controllare con la leggina. Ma da quando in qua si stabilisce prima il sistema dei controlli e poi si decide cosa deve essere controllato?

3 – Elude totalmente il fatto che la grande maggioranza dell’opinione pubblica chiede innanzitutto ai partiti di ridurre le somme che si sono assegnati. Quando il rendimento netto dei partiti ad ogni elezione va dal 50% al 1000% grazie alla legge, e’ meglio parlare di hedge fund senza rischio che di rimborsi elettorali’.

Stradaquanio cosi’ prosegue: ‘e’ nella stessa relazione della legge – che definisce ‘drammatico’ il cancellare i finanziamenti pubblici i partiti – che si scrive che ‘la strada maestra’ e’ quella della discussione e dell’approvazione della legge di attuazione dell’articolo 49 della Costituzione, che saranno discusse dalla Camera a maggio, cioe’ tra due settimane, non tra due anni. Si segua allora la strada maestra e si decida cosa sono i partiti e come devono procurarsi le risorse. Da parte mia e da parte degli altri esponenti del Pdl che si sono assunti la responsabilita’ di evitare che un’altra ondata di discredito si rovesciasse sui partiti, presenteremo due proposte di legge che prevedono che i partiti si finanzino attraverso contributi privati’.

NESSUN COMMENTO

Comments