Ridicolo l’atteggiamento di Forza Italia nei confronti di Salvini

Pd e Fi si sono suicidati, il premier Giuseppe Conte deve rianimare l’Italia. Matteo Salvini non molla, dalla sua parte ci sono milioni di italiani

La lettura dei quotidiani rende ogni giorno noi cittadini più ‘schizofrenici’, oltre che furiosi, perché non riusciamo a deciderci se leggere prima le cronache delle sfilate di Boldrini e Boschi sulla Diciotti, le indagini contro Salvini, reo di tutelare i confini nostrani, o quelle sul suicidio politico di Tajani che difende l’Europa sulla questione migranti. Siamo dissociati fra notizie opposte quanto inquietanti: quella di Salvini, perseguitato da un’orda maligna di superstiti politici, e quelle di Boschi, Boldrini e Tajani, costretti a barcamenarsi fra i ‘dieci Comandamenti di Merkel’ e il reale dato che connota l’attuale comportamento della UE nei confronti dell’Italia: la vergogna.

Da modesta conoscitrice della psiche umana, desidero rispondere ai nostri “prodi”. Per prima cosa una richiesta a Tajani, ex collega e buon Commissario Europeo: mi lasci essere per pochi minuti il tuo psichiatra?

Assumo di sì, e passo a spiegarti la differenza fra un suicidio ed un tentato suicidio, sempre politico, si intende.

Ti dico subito che un suicidio è un atto di grande disperazione, ma anche un gesto di grandissimo amore. Il tentato suicidio è invece, sempre, un gesto di odio. Lo sanno bene tutti quegli pseudo innamorati che ingurgitano qualche pastiglia, di solito 3 o 4, mai una dose veramente mortale, e subito si precipitano al telefono per chiedere aiuto e ricattare moralmente l’ex fidanzato/a.

Quindi, caro Tajani, ed estendo l’invito a tutta la Dirigenza di FI: smettetela di comportarvi come un amante tradito, nei confronti di Salvini: siete ridicoli, almeno quanto chi fa indecenti passerelle sulla Nave Diciotti.

Ed arriviamo alla scandalosa vergogna di questa Europa, che va cambiata, e ai ‘dieci comandamenti’ di Merkel, fra i quali spiccano le decine di miliardi, presi dalle tasche dei contribuenti, anche italiani, e sperperati per gli aiuti proprio a quei Paesi Africani dai quali provengono i migranti. Consiglio a tutti di leggersi le numerose sentenze della Corte dei Conti Europea che dimostrano come una gran parte di quei soldi siano finiti in corruzione.

E a chi parla di Trattati che non possono o non devono essere modificati desidero ricordare che, secondo Victor Cherbulliez, dal 500 a.C. al 1869 d.C. sono stati firmati, fra i popoli, non meno di 8000 (ottomila) trattati di pace, ciascuno con lo scopo di garantire una pace permanente e che ciascuno non è durato, in media, più di due anni.

Caro Premier Conte, noi italiani che abbiamo votato i partiti che la sostengono riponiamo in Lei le speranze per rivedere questi Trattati Europei che proprio non vanno. Chi insulta, minaccia e ricatta chi li vuole cambiare, se ne faccia una ragione, la frase: ‘è sempre stato così’, dei rappresentanti di PD e FI è la più pericolosa possibile e la maggioranza degli italiani lo ha compreso, benissimo.