Renzi, “Lega e M5S non potranno ingannare gli italiani per sempre”

Matteo Renzi, ex segretario Pd: “Dove sono finite le promesse fatte in campagna elettorale? Puff, sparite”. E sul tema immigrazione, “la strategia di Salvini è sbagliata”

“Una vita vale piu’ di un voto. E l’Italia oggi e’ isolata”. Torna ad affrontare il tema immigrazione Matteo Renzi, senatore Pd, e lo fa attraverso la sua solita enews.

“La strategia sull’immigrazione di Salvini ha avuto una grande eco in Italia”, scrive l’ex segretario del Pd: “Tanti commenti positivi, tanti consensi nei sondaggi. Io penso che sia una strategia sbagliata sotto tutti i punti di vista”, “innanzitutto in termini di valori”.

Anche se, per il senatore dem, “paradossalmente la strategia del governo Salvini-Conte e’ sbagliata anche per chi ne condivide i valori. Mi spiego: se ti allei con chi vuole costruire i muri, dagli ungheresi ai baltici, dalla destra austriaca a quella bavarese, finisce che chi ci rimette e’ l’Italia. Su quel muro rischi di farti male, molto male”.

Poi il dito puntato contro Di Battista e i 5stelle: “C’è un bel video di Di Battista che spiega come nelle prime due settimane di Governo i Cinque Stelle bloccheranno il Tap: ovviamente non è accaduto e non credo che accadrà mai”. “Diamo tempo al tempo e vedrete dissolversi tante delle proposte su cui i membri dell’attuale maggioranza hanno fatto la campagna elettorale. Ecco perché sono sempre in Tv a spararne ogni giorno una nuova: si chiama tecnica di distrazione di massa. Puoi ingannare qualcuno per sempre o tutti per una sola volta, ma non puoi ingannare tutti per sempre: il tempo è galantuomo”.

Intanto “puf, spariti i miracoli della campagna elettorale. Il ministro Tria, responsabile dell’Economia, e’ venuto in Aula per il Def. Le sue parole sono ben diverse da quelle del resto del Governo: prudenza e buon senso”.

“Qui nessuno parla piu’ della Fornero – aggiunge Renzi – (che in teoria volevano abolire nel primo consiglio dei ministri, ricordate i talk show di Salvini e Di Maio?), di reddito di cittadinanza, di Flat Tax (al massimo proveranno a intestarsi la c.d. IRI, creazione di Tommaso Nannicini e altri nel lontano 2016, programmata per il 2019), di stop alle opere pubbliche”. Dove sono andati a finire tutti questi temi? Spariti.