Regione Lazio, La Centrale unica per gli acquisti – di Primo Mastrantoni

Per anni ci siamo chiesti perche’ alla regione  Lazio, come altre regioni, gli acquisti di beni e servizi avvenissero autonomamente da singole aziende, uffici, consorzi, ecc., ma non si procedesse in modo unico. Per esempio, l’acquisto di carta A4 per gli uffici puo’ essere predisposta da una unica struttura in base alle esigenze di tutte le strutture regionali (anche provinciali e comunali, aggiungiamo), cosi come l’ovatta puo’ essere acquistata dalla medesima struttura e servire tutte le Asl degli ospedali laziali. La proposta in tal senso ha finalmente visto la luce e si e’ costituita la Centrale unica per gli acquisti. Ovvio che si risparmia e questa e’ sollievo per le casse regionali. La presidente della regione Lazio, Renata Polverini, denuncia la formazione di cartelli e una turbativa d’asta per gli appalti relativi ad acquisti unificati. Su questa iniziativa la presidente Polverini ci trova al suo fianco. Razionalizzare le spese ci sembra un imperativo categorico, specialmente in questo momento di crisi.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc*

*Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

NESSUN COMMENTO

Comments