Referendum, “voto no perché spariscono i senatori degli italiani nel mondo”

Enzo Alloggia, già rappresentante degli Abruzzesi nel mondo: “E anche perché i senatori non solo eletti dagli elettori”

“Caro Presidente del Consiglio Matteo Renzi, io (e moltissimi italiani all’estero come me) al Referendum Costituzionale di ottobre voteremo “no”, per 2 semplici motivi”. Così scrive Enzo Alloggia, già rappresentante degli Abruzzesi nel mondo, da tempo residente in Svizzera, in una “lettera aperta” al premier in cui contesta la riforma che ha eliminato la rappresentanza degli italiani all’estero nel nuovo Senato.

Il primo “motivo” elencato da Alloggia, infatti, è proprio questo: “fra i “nuovi” 100 Senatori non c’è nessun rappresentante dall’estero che rappresenti tutti gli italiani nel mondo”.

Il secondo risiede, invece, nel fatto che “i nuovi 100 Senatori (95 nominati dalle Regioni e 5 nominati dal Presidente della Repubblica) non sono eletti dagli italiani. Qui in Svizzera c’è l’equivalente del Senato Italiano (Consiglio degli Stati) eletto in proporzione dalla popolazione nei “Cantoni” (come è giusto che sia)”.

Quindi, scrive Alloggia, visto che “noi italiani all’estero con diritto di voto siamo circa il 10% della popolazione residente in Italia con diritto di voto, abbiamo diritto al 10% dei senatori (cioè circa 10 Senatori su 100) nel nuovo Senato previsto dalla riforma Costituzionale del Senato della Repubblica italiana”.