Razzi attacca Veronica Lario, “basta spremere Berlusconi come un limone”

Per il senatore azzurro la signora Lario non dovrebbe “stare lì a rompere le scatole al presidente Berlusconi, che ha impegni per gli italiani, impegni politici, non può dedicarsi a cose passate”

Antonio Razzi

Antonio Razzi, senatore di Forza Italia, non è stato ricandidato da Silvio Berlusconi. Lui, Antonio, all’inizio se l’è presa, e pure di brutto. Ma poi ha dichiarato che Berlusconi è “il numero uno”, che non riesce proprio ad avercela con lui. Anche se, in ogni caso, Razzi si sente “umiliato, tradito dal partito”.

Comunque, Silvio è per sempre. Sarà anche per questo che il senatore azzurro, intervenuto a Radio Cusano Campus, si è scagliato contro Veronica Lario, in difesa del Cavaliere: “Silvio non deve ascoltarla, acqua passata non macina più. Ha voluto lei la separazione, Berlusconi l’ha sempre amata, è lei che fa i capricci. Che si tranquillizzi un po’ e si metta il cuore in pace”.

Secondo Razzi la signora Lario non dovrebbe “stare lì a rompere le scatole al presidente Berlusconi, che ha impegni per gli italiani, impegni politici, non può dedicarsi a cose passate”.

Il senatore insiste: “Da adulti, ci si deve parlare. La questione economica? Per me è una vergogna avere tutti quei soldi quando ci sono persone che devono vivere con 300 euro al mese. E a lei milioni e milioni non bastano? Ma quanto consuma al mese? A me 100 euro in tasca durano un sacco di giorni. Che ci fa con i soldi? Dove li mette? Anche per rispetto ai pensionati che vivono con poche centinaia di euro dovrebbe smetterla e farla finita. Non può sempre stare a spremere il limone”.

SEGUI ITALIACHIAMAITALIA SU FACEBOOK, PER TE CONTENUTI ESCLUSIVI

Il bunga bunga? “Non è mai esistito, sono stato ad Arcore, ho incontrato anche Marina che mi ha fatto vedere, ma come è possibile, ma dove lo fa il bunga bunga? Veronica ha sbagliato a crederci, lei deve vedere con gli occhi suoi. Io prima voglio vedere”.