Pronto oggi il contratto di governo M5S-Lega. Salvini punta al Viminale

Pronto nel pomeriggio il contratto di governo tra M5S-Lega, verrà consegnato a Di Maio e Salvini. Il leader del Carroccio punta a Viminale, Lavoro, Agricoltura

“Salvini premier sarebbe per me l’onore più grande del mondo”, ma “se serve faccio anche un passo di lato”. A parlare è Matteo Salvini su Facebook. Il tavolo tra M5S e Lega sul contratto di governo procede bene, è possibile che si chiuda già nelle prossime ore. Entro la settimana Di Maio e Salvini potrebbero salire al Colle.

Proprio nel momento in cui scriviamo si apprende da fonti presenti al tavolo tecnico Lega-M5S che tra un paio d’ore il contratto sul programma dovrebbe essere pronto per essere consegnato a Luigi Di Maio e a Matteo Salvini per l’approvazione definitiva. Le ultime correzioni riguardano il comitato di conciliazione che avrà una funzione politica, precisano le stesse fonti, e non avrà impatti sulle prerogative del Parlamento.

Il Matteo padano è pronto a rinunciare a palazzo Chigi, ma “un ministro della Lega che si occupi di sicurezza e di difesa dei confini sarebbe garante che in Italia entra esclusivamente chi ha il permesso”. Ecco che il capo delle camicie verdi punta al Viminale, visto anche che con l’arrivo della bella stagione riprenderanno certamente le partenze dalle coste del Nord Africa verso quelle italiane. Salvini vuole mettere un freno agli sbarchi di immigrati clandestini nel nostro Paese e il ministero dell’Interno gli calzerebbe a pennello.

Certo, la Lega non può mica accontentarsi di un solo dicastero. Anche per strizzare l’occhio al proprio elettorato, punterà su Agricoltura – “l’impegno della Lega è sacro, e anche qua mi piacerebbe con un uomo o con una donna della Lega che si occupino direttamente di questo settore” – e su Lavoro: “L’emergenza è il lavoro, per questo mi piacerebbe che se questo governo nascerà la Lega si occupi di quello per cui siamo nati, al di là dell’autonomia: del lavoro, dei servizi sociali, del futuro”.

Comments