Petrolio in Brasile, Un inquinato mare di trivelle – di Carlo Di Stanislao

Continuano i disastri ecologici causati dalle trivellazioni in mare e non servono granché le scuse del presidente della Chevron brasiliana, George Buck, presentate nel corso di un’udienza pubblica davanti ai deputati di Brasilia, dopo che l’8 novembre scorso, da una piattaforma situata nell’Oceano Atlantico, a circa 230 chilometri al largo della costa di Rio De Janeiro, si sono sversati in mare migliaia di tonnellate di greggio. La multinazionale USA non ha reso noto l’incidente e la storiaccia è venuta a galla solo il  10 novembre, quando l’Organizzazione non governativa SkYTruth ha pubblicato le foto di una chiazza di petrolio estesa per  35 miglia sulla superficie dell’oceano Atlantico. L’Agência nacional de petróleo (Anp), che dovrebbe controllare le operazioni petrolifere in Brasile, non aveva nemmeno notato lo sversamento nel suo sito. Nella notte di venerdì, l’impresa calcolava che 60 barili di petrolio avessero raggiunto la superficie. Già sabato l’impresa informava che lo sversamento si aggirava tra i 400 e i 650 barili. Vale a dire che, in 24 ore, uno sversamento che era considerato "piccolo" era cresciuto più di 10 volte. La Chevron afferma che la causa sarebbe una "falla naturale" nella superficie del fondale marino, ma questa stessa falla non appariva nello studio di impatto ambientale del campo petrolifero di Frade. La Chevron ha mantenuto, contro tutte le evidenze, la tesi della "falla naturale" fino al 14 novembre, fino a quando le prove del contrario non sono state così schiaccianti da consigliarle di cambiare strada. 

Ora la Chevron è sotto pressione per fare chiarezza sulla reale quantità di petrolio sversato, secondo la multinazionale sarebbe tra 27 e 45 tonnellate al  giorno, ma SkyTruth  calcola, in base alle dimensioni della marea nera, che sia 10 volte superiore: circa 512 tonnellate al giorno,  questo vuol dire che fino ad ora sarebbero finite nell’oceano Atlantico almeno 4.000 tonnellate di greggio pesante.  Proprio come ha fatto la Bp nel Golfo del Messico con la Deepwater Horizon,  la Chevron sta tentando di riempire il pozzo esploso con fango a pressione e cemento, ma il petrolio continua a fuoriuscire dalle fessure apertesi sul fondale dell’oceano. Ora, l’organo governativo brasiliano per il  controllo delle attività legate all’industria del petrolio, ha temporaneamente vietato alla Chevron le trivellazioni nel territorio del Paese e, pertanto, la compagnia petrolifera Usa, non potrà proseguire le trivellazioni finché le cause della perdita non saranno del tutto chiarite e non vi sarà posto rimedio. La compagnia statunitense sostiene di aver sottostimato la pressione di un serbatoio di petrolio sottomarino durante le trivellazioni e questo ha fatto sì che il petrolio salisse fino a un foro e uscisse sulla superficie marina. Secondo l’Agenzia la perdita è stata messa sotto controllo, ma intanto, la chiazza di petrolio formatasi in superficie, rischia ora di arrivare su alcune delle più belle spiagge del litorale carioca, come Buzios e Angra dos Reis. Sin da subito, sul luogo della perdita, si sono portate 17 navi che stanno ancora lavorando per contenere la mare nera, ma il timore è che si ripresentino scenari simili a quello del grave incidente del Golfo del Messico del 2010, o quello, più recente, della petroliera naufragata in Nuova Zelanda. Il campo di Frade produce circa 79 mila barili di petrolio al giorno e la perdita è stata contenuta solo dopo una settimana. E mentre la chiazza nera larga 160 chilometri quadrati,avanza velocemente verso la costa carioca, il presidente brasiliano Dilma Rouseff ha aperto  una inchiesta per far luce sui colpevoli dell’ennesimo disastro ambientale nell’Oceano Atlantico. I responsabili della Chevron rischiano anche tre anni di prigione per il crimine di inquinamento e la compagnia americana, per ora sospesa, puo’ essere soggetta a multe milionarie. Inoltre, nei giorni scorsi, fonti della polizia hanno informato che sul posto hanno trovato un numero di imbarcazioni anti-inquinamento inferiore rispetto a quelle dichiarate dalla compagnia. Nell’Atlantico, secondo il mito, c’era l’isola di Atlandite, governata da Atlante,  figlio di Poseidone, che imbastì una poderosa ma sfortunata spedizione contro la Grecia e che poi, sprofondò, per un disastro ecologico in quello stesso mare che 10.000 anni dopo sarebbe divenuto un cumulo di spazzatura. Atlantide fallì e sprofondò nell’abisso. Noi abbiamo fallito, ma le nostre isole di spazzatura restano come monumenti pressoché indistruttibili a ricordarcelo ogni santo giorno.  Ora, la marea nera brasiliana della Chevron dovrebbe preoccupare anche i Paesi del Mediterraneo, visto che tra i suoi progetti di trivellazioni in acque profonde ce ne sono alcuni anche nel  "Mare Nostrum".  

NESSUN COMMENTO

Comments