Pensionati italiani all’estero non pagheranno Imu su prima casa in Italia

Dal 2015 le abitazioni possedute in Italia dai pensionati italiani residenti all’estero iscritti all’Aire, verranno esentate dall’Imu (in quanto considerate abitazioni principali) e pagheranno Tari e Tasi ridotte di due terzi. Questo a condizione che non risultino affittate o date in comodato d’uso. Lo stabilisce un emendamento al dl Casa dei relatori Stefano Esposito (Pd) e Franco Mirabelli (Pd) approvato dall’Aula del Senato dopo riformulazione. Dopo Palazzo Madama, sarà la Camera dei Deputati a dover dare il suo ok.

Agli oneri derivanti dalle disposizioni pari a 6 milioni di euro annui dal 2015, di cui 2 milioni di euro annui a copertura delle minori entrate dei Comuni, si provvede mediante corrispondente riduzione di fonti del ministero dell’Economia.

Stefano Esposito, raggiunto telefonicamente da Italiachiamaitalia.it, commenta: “E’ il massimo che siamo riusciti a portare a casa. La commissione Bilancio ha bocciato l’emendamento così come l’avevamo presentato e siamo stati costretti a riformularlo. Non è ancora sufficiente, ma comunque è un primo passo, si è aperta la strada su un tema che interessa tantissimi italiani nel mondo”.

ItaliaChiamaItalia ha sentito anche il senatore Aldo Di Biagio, eletto nella ripartizione estera Europa: quella dell’Imu “è stata una battaglia che fin dall’inizio ho voluto condividere con tutti gli eletti oltre confine. La mediazione è stata molto sofferta, siamo riusciti a raggiungere comunque un obiettivo: i pensionati italiani residenti all’estero non pagheranno le tasse sulla propria prima casa in Italia. E’ un risultato a metà – prosegue Di Biagio – e anche in noi resta l’amarezza di non avere ottenuto il massimo. Ma la battaglia continua – assicura il senatore -, aggredirò con un emendamento il prossimo decreto Irpef. In ogni caso possiamo comunque essere soddisfatti: è un primo risultato, un risultato a cui si è arrivati grazie al contributo di tutti”.

Leggi anche il comunicato stampa di Aldo Di Biagio: Imu italiani all’estero, Di Biagio (Pi): ‘vittoria a metà, la battaglia continua’

Leggi anche l’intervista a Claudio Zin (MAIE): risultato ottenuto grazie a gioco di squadra

M5S VOTA NO Nell’aula del Senato hanno votato a favore dell’emendamento sull’Imu tutti i partiti della maggioranza. Ha votato a favore anche il MAIE. Forza Italia si è spaccata, mentre il Movimento 5 Stelle ha votato no in maniera compatta. 

NESSUN COMMENTO

Comments