Peggiora la qualità dell’aria, al Nord la maglia nera

Peggiora la qualita’ dell’aria nelle citta’ italiane e soprattutto al Nord, dove si concentrano i comuni che per piu’ volte hanno superato i limiti consentiti di polveri sottili. A fotografare i problemi di smog nel Belpaese e’ l’indagine ‘Dati ambientali nelle citta” pubblicata dall’Istat, secondo cui il numero medio di giorni in cui si e’ registrato lo sforamento del valore limite di Pm10 si e’ attestato, nel 2011, a 54,4 giorni. In sostanza si e’ invertito il trend degli ultimi anni che avevano visto il passaggio dai 68,9 giorni del 2007 ai 44,6 del 2010.

L’incremento riguarda quasi esclusivamente i capoluoghi del Nord Italia, passati da 55,8 a 75,2 giorni. Qui a incidere negativamente, spiega l’Istat, e’ anche l’andamento dei fattori meteo-climatici nel Settentrione e soprattutto nella Pianura Padana. Risultano stabili, invece, i valori medi dei capoluoghi del Centro (circa 43 giorni) e del Mezzogiorno (circa 35 giorni).

Nel dettaglio, al Nord appena il 17,4% dei capoluoghi che hanno effettuato il monitoraggio per il Pm10 non ha superato la soglia delle 35 giornate, oltre le quali sono obbligatorie per legge misure di contenimento e di prevenzione delle emissioni di materiale particolato. Nel 2010 l’analoga quota del Settentrione era pari al 31,1%. Il quadro, sottolinea l’Istat, ‘disegna una situazione negativa che non si registrava da almeno quattro anni’. Un peggioramento, ma contenuto, ha interessato anche i capoluoghi del Centro, mentre nel Mezzogiorno si conferma il trend di lento miglioramento in atto negli ultimi anni.

La situazione italiana appare chiara se si prendono in esame le 10 citta’ dove le centraline hanno dato l’allarme piu’ di frequente. La top ten e’ infatti appannaggio quasi esclusivo del Nord, con Torino e Milano in prima e terza posizione e l’eccezione di Siracusa al secondo posto. Un confronto con il 2010, tuttavia, mette in luce una crescita dei giorni di superamento dei limiti che accomuna quasi tutte le grandi citta’ eccetto Venezia, Catania, Bari, Firenze e Napoli. In particolare Verona, Milano, Trieste, Roma e Torino hanno fatto registrare incrementi che vanno dai 27 ai 60 giorni in piu’ di sforamento dei limiti.

Ad appesantire l’aria italiana, oltre alle industrie, sono certamente i tubi di scappamento delle auto, e i dati sul parco macchine nostrano non sono rosei. Secondo l’Istat, dopo due anni di lievi diminuzioni, il tasso di motorizzazione nei capoluoghi di provincia e’ tornato a crescere, arrivando nel 2011 a 614 auto per mille abitanti (+0,5%). Contestualmente e’ scesa, seppur di poco, la domanda di trasporto pubblico (-0,2%), cioe’ il numero di passeggeri trasportati durante l’anno. A preoccupare, accanto al numero, e’ la qualita’ delle auto in circolazione. Risulta ancora predominante, infatti, la presenza di veicoli piu’ inquinanti, con un tasso di motorizzazione pari a 325,8 per le auto euro 0, euro I, euro II e III a fronte del 287,9 per le auto euro IV e V. 

NESSUN COMMENTO

Comments