PdL Roma, Santori: Bene le primarie, ma basta ipocrisie

"Quanta ipocrisia c’é nel chiedere le primarie dopo aver affondato il congresso romano per decine di volte? Fuori la verità, si vuole o si teme il confronto?": lo ha chiesto Fabrizio Santori, consigliere Pdl di Roma Capitale tramite twitter menzionando gli ex An, il Pdl romano e il segretario nazionale del Pdl, Angelino Alfano. "Fermo restando la mia convinzione della necessità delle primarie e l’introduzione delle preferenze a livello nazionale, purché si esca dal torpore, non mi sembra ci sia una reale volontà di cambiamento: ognuno cerca un posto al sole, esercizi dialettici di stile smorzati alla prova dei fatti, promesse rimaste miraggi lontani, progetti annunciati accompagnati dall’incapacità di realizzarli. Questo purtroppo é quello che percepisce il cittadino comune. É paradossale che siano gli ex An a chiedere con determinazione le primarie a tutti i livelli quando, in accordo con gli ex forzisti, tengono da mesi ingessata la partecipazione degli iscritti romani alle decisioni future del partito. É vergognoso che una città come Roma non abbia avuto un confronto sano in un congresso più volte annunciato e mai realmente voluto, calpestando le migliaia di iscritti che speravano in un rinnovamento almeno per dimostrare sdegno nei confronti di chi, ancora seduto ai vertici, si é reso responsabile della mancata presentazione delle liste alle regionali del 2010".

NESSUN COMMENTO

Comments