PdL, Mazzocchi: Non servono primarie, Berlusconi nostro leader

“Eravamo seriamente preoccupati che, a 24 ore dal ritorno in campo di Berlusconi, le procure non si fossero già messe in moto per riportarlo in tribunale. Fortunatamente stamattina si è rimessa in moto la macchina antiberlusconiana che dà lavoro a tanta gente e ci siamo tranquillizzati che tutto è rimasto perfettamente come prima.  Siamo ormai abituati a questo clima che ha criminalizzato e colpito in maniera indistinta ministri e deputati della nostra maggioranza, non ultimo il Ministro Romano assolto poche ore fa.  Noi del Popolo della Libertà siamo però pronti a fare muro nel difendere il Presidente Berlusconi che viene colpito proprio perché rappresenta l’unica personalità capace di far vincere le elezioni al centrodestra. Ogni volta che colpiscono lui, stanno in realtà tentando di screditare un’intera comunità politica che lui rappresenta e guida in maniera indiscussa. Per questo, dobbiamo fare quadrato attorno al nostro leader e smetterla di parlare di primarie, perché rappresenterebbero solo una conta interna fatta dalle correnti, utile solo ai fini di spartizioni degne del manuale Cencelli.  Noi un leader lo abbiamo già; lasciamo queste pratiche a chi, da sinistra, è alla ricerca disperata di una leadership ed è costretto a cambiare candidato premier ogni sei mesi”. Con queste parole l’On.Antonio Mazzocchi, Deputato del Pdl e Presidente dei Cristiano Riformisti ha commentato in una nota le richieste di primarie interne per la scelta del candidato premier del centrodestra.

NESSUN COMMENTO

Comments