Parcheggi e intelligenza dei progettisti – di Marco Chierici

Tra gli infiniti motivi che mi portano a credere con convinzione che spesso ci complichiamo la vita da soli, ne vorrei oggi citare uno apparentemente banale. Mi riferisco con un’aspra critica a tutti coloro che progettano e gestiscono parcheggi pubblici, ossia aziende private, pubbliche, comunali, architetti, sindaci.

Ognuno di noi, uscendo dal posto auto, si sarà trovato costretto a fare manovra perchè lo spazio a disposizione è limitato. Questo non solo dipende dalla larghezza della carreggiata tra gli spazi, ma soprattutto dalla disposizione sciocca dei rettangoli che sono quasi sempre perpendicolari alle corsie di accesso. Sarebbe sufficiente disporre i posti auto a "lisca di pesce", consentendo manovre semplici e scorrevoli. Si, disporre a 45° gli spazi forse ruberebbe alcuni euro di fatturato alle società, ma mostrerebbero una maggiore intelligenza migliorando anche se di poco la qualità della vita degli automobilisti.

NESSUN COMMENTO

Comments