“Non posso credere alle regioni del No, vincerà il Sì”

“La stabilità e la governabilità verrebbero certamente assicurate dalla vittoria del sì al referendum. Votare no significa dire no a questo”

Il deputato del Pd Matteo Colaninno (Commissione Finanze) è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus e ha parlato anche di referendum.

“La stabilità e la governabilità verrebbero certamente assicurate dalla vittoria del sì al referendum. Votare no significa dire no a questo. Sono convinto che gli italiani abbiano la capacità di comprendere l’occasione che hanno di fronte, che è quella di cambiare profondamente il Paese”.

“Noi stiamo vivendo un tempo – ha proseguito Colaninno -, sia in termini di politica ma soprattutto in termini di economia, una complessità dove la parola chiave incertezza domina le scelte delle imprese, degli investimenti. Siamo in una fase molto dura della globalizzazione. E’ ovvio che in una fase così lunga come questa i cicli economici non sono più quelli ordinari e il valore della stabilità politica dei Paesi e quindi dei governi diventa fondamentale per gli investimenti. Renzi ha certamente invertito di segno il Pil, ora è il momento di consolidare e accelerare il ritmo di crescita. Questa è una riforma importante che sbilancia in maniera positiva il Paese verso un nuovo equilibrio, non comprendo le motivazioni del no che vogliono che il Paese stia fermo. Pressioni per ritorno di un governo tecnico? Non credo ci siano”.

Se vincesse il no. “Io credo che gli italiani sceglieranno il sì. Se poi dovesse vincere il no si vedrà, ma la vedo un’eventualità molto difficile. Sarebbe sbagliato ora ragionare su ipotesi a cui non voglio credere”.