Neve a Roma e la città si blocca, centinaia gli intervento dei Vigili del fuoco

Intanto la Comunità Sant’Egidio lancia un appello: coperte, generi di conforto, ma anche solidarietà e calore umano che si traduce nell'avvicinarsi a chi sta in strada e ha bisogno di aiuto anche se non lo chiede

La neve è caduta copiosa anche a Roma e nella capitale il traffico, come al solito, è andato in tilt. Roma si è svegliata ricoperta dalla neve, così anche la provincia comprese le zone costiere. Tanti gli interventi richiesti ai Vigili del fuoco, la scorsa notte 130 interventi sul territorio del Comune di Roma e Provincia per la caduta di alberi, rami pericolanti, soccorso a persone rimaste bloccate nelle loro auto durante la nevicata.

Dalle 8.00 circa di stamattina alle 14 circa, sono stati condotti 90 interventi, con 200 interventi in attesa.

“Il leggero miglioramento meteorologico sta permettendo l’espletamento dei vari interventi rimasti in coda”, spiegano i vigili del fuoco.

Intanto la città è alle prese con il gelo polare. La Comunità Sant’Egidio lancia un appello: coperte, generi di conforto, ma anche solidarietà e calore umano che si traduce nell’avvicinarsi a chi sta in strada e ha bisogno di aiuto anche se non lo chiede. “I nostri volontari agiscono tutti i giorni dell’anno, ma in questa occasione stiamo riscontrando nella capitale un’autentica catena di solidarietà, con tante persone che si dicono disponibili ad aiutare chi si trova in una situazione di difficoltà”, spiega all’Adnkronos il portavoce della comunità Roberto Zuccolini.

“Già è importantissimo portare anche solo una coperta o distribuire anche un solo pasto caldo – premette l’esponente della Sant’Egidio – ma lo ‘sforzo’ in più che chiediamo è quello di fermarsi anche a parlare con queste persone, ascoltare le loro storie e i loro bisogni”.