Napolitano guida riscossa cultura, contestati ministri

Foto Mauro Scrobogna /LaPresse 24-04-2012 Roma Politica Palazzo del Quirinale - Incontro con gli esponenti delle Associazioni Combattentistiche e d'Arma nella ricorrenza del 67° anniversario della Liberazione Nella foto: Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano Photo Mauro Scrobogna /LaPresse 24-04-2012 Rome Politics Presidency of the Repubic - 67th annyversary of liberation In the picture: The President of Italian Republic Giorgio Napolitano

Basta tagli lineari, ‘la politica deve scegliere’. E ‘devono essere detti piu’ si’ per cultura, ricerca e tutela del patrimonio’. Arriva dalle parole di Giorgio Napolitano, la speranza di riscossa per la cultura italiana, sempre piu’ a corto di attenzione e risorse. Il capo dello Stato parla, applauditissimo, agli stati generali organizzati dal Sole24Ore. Ma l’atmosfera, e’ tesa. Prima del suo intervento, dalla platea gremita di operatori del settore, rappresentanti del governo (ci sono le ministre Annamaria Cancellieri e Paola Severino) studenti e artisti del Valle occupato, non sono mancate contestazioni vigorose ai ministri Lorenzo Ornaghi, Francesco Profumo e Fabrizio Barca. Tutti interrotti nei loro discorsi da richieste di concretezza, ansie di futuro, richiami agli scontri di piazza di ieri. Napolitano non si fa intimidire, parla a braccio su appunti presi dopo aver ascoltato tutti, e va diretto al punto: in Italia, dice, ‘esiste da decenni, una sottovalutazione clamorosa della cultura, della formazione, della ricerca da parte delle istituzioni rappresentative della politica, del governo, dei governi locali, ma anche della società civile’. Una ‘scelta di fondo’, sottolinea, ‘che resta da fare’. In sala le contestazioni si spengono, per il presidente della Repubblica solo applausi, ripetuti, continui. Lui ricorda la necessita’ per il Paese di ‘fare i conti con un indebitamento pubblico tremendo’, ‘non possiamo giocare con il rischio di fallimento’, ammonisce. Poi pero’ invita a salvaguardare dai tagli i settori gia’ troppo provati della cultura. ‘Contenimento e riduzione della spesa pubblica – dice – non vuol dire che non ci possa essere una selezione. Scegliere e’ una responsabilita’ della politica: dire dei no e dire dei si’. E servono piu’ sì’.

In Italia ‘abbiamo bisogno di innovare, nel senso della sburocratizzazione e anche del miglior uso delle scarse risorse disponibili’, aggiunge Napolitano, sottolineando che per cultura, scuola, ricerca, ‘esiste una questione di soldi, ma anche di capacita’ progettuale, organizzativa, gestionale’. Alla fine anche una battuta: ‘nel passato ho fatto il comiziante e sono abituato a confrontarmi con i battibecchi in piazza anche se adesso faccio un altro mestiere’.

Ad aprire la giornata di dibattito, che prende le mosse dal Manifesto per la cultura promosso dal Sole 24 Ore (oltre 4 mila le adesioni) era stato il presidente della Treccani Giuliano Amato, anche lui critico nei confronti dei tagli al settore (‘colpire gli sprechi e’ sacrosanto ma bloccare il turn over con lo spettro di disperdere competenze scientifiche e’ controproducente’) con il richiamo all’articolo 9 della Costituzione (che Napolitano ha poi voluto leggere). Tranchant, dopo di lui l’archeologo Andrea Carandini (‘Il Mibac e’ un morente ibernato o arrivano risorse o tanto varrebbe abolirlo’) Ornaghi, dice ‘deve combattere’. Seduto accanto a lui il ministro abbozza, poi ammette che le risorse per il Mibac ‘torneranno a scendere, anche se leggermente, nel prossimo anno’, sottolinea che dei fondi serve un buon uso. ‘Lei parla come un economista – gli urla un giovane dalla platea- perche’ non parla di cultura? Noi siamo allarmati, non ne possiamo piu’ di sentire parole!’. Ornaghi conclude, dopo di lui tenta di inserirsi la presidente del Fai Ilaria Buitoni, quindi e’ la volta di Profumo, anche lui a piu’ riprese interrotto. Alla fine per difendere l’operato del governo – citando il progetto per il rilancio di Pompei -interviene il ministro della coesione Barca, ‘questa platea sembra il Sulcis!’. Non e’ una critica. A dispetto della tensione, che sembra richiamare gli scontri di piazza di ieri, dal palco le contestazioni vengono accolte come ‘vivacita”. ‘E’ un segno di ritorno di domanda’, commenta poi Barca, il confronto ‘quando e’ informato e’ il sale della democrazia. Un aiuto per noi. E per il prossimo governo’.

NESSUN COMMENTO

Comments