MotoGP, a Jerez Valentino Rossi celebra 200 gare: ‘Lasciare Ducati? Non ci penso proprio’

Il secondo Gp della stagione che si correrà a Jerez de la Frontera, in Spagna, sarà la 200/a gara di Valentino Rossi nel mondiale. Si tratta di un bel traguardo per un pilota che ha nel suo carniere anche 9 titoli mondiali e 105 gare vinte, 175 podi e 59 pole position. Ma quello che manca da ormai troppo tempo è un risultato di rilievo, l’ultimo "buono" è stato il terzo posto conquistato a Le Mans lo scorso anno, mentre l’ultima vittoria, risale ormai al Gp della Malesia del 2010. "Non sono qui a Jerez per lottare per la vittoria – ha detto Valentino Rossi in Spagna parlando con i giornalisti – diciamo che in ballo ci sono posizioni meno nobili. La cosa buona è che su questa pista nei test ho avuto sensazioni migliori di quelle avute in Qatar in gara e per fare bene dobbiamo ripartire da quel punto". Lo scorso anno la pioggia fu la vera protagonista della gara, che fu falsata anche dalle gomme da bagnato che andiedero in tilt man mano che l’asfalto si asciugava. In questa occasione la Bridgestone ha portato una nuova copertura anteriore. Si tratta di un nuovo pneumatico inizialmente annunciato per il 2013, ma anticipato a quest’anno dopo il risultato positivo dei test effettuati con molti piloti.

Tutti contenti o quasi, solo le Honda, anche nelle prove, hanno continuato a soffrire del chattering all’anteriore anche con le nuove gomme, mentre per Ducati e Yamaha, questo problema è sembrato risolto. "Per quanto riguarda il meteo – ha detto Rossi – questo potrebbe essere un elemento che puó giocare a nostro favore, ma per il pubblico preferirei che non piovesse. Parlando delle gomme, sarà interessante capire il potenziale del nuovo materiale durante il week end di gara, ma non credo che saranno un grande cambiamento". Dopo il Gp del Qatar e dopo la famosa sfuriata di Rossi contro la Ducati, si è fatto un gran parlare della possibilità per Valentino di cambiare moto. "Di lasciare la Ducati non ci penso proprio – ha specificato Valentino – c’è un contratto firmato e si va avanti dando il massimo. Le mie parole del Qatar sono state frutto della delusione. E’ piú di un anno che cerchiamo di risolvere sempre gli stessi problemi e non ci riusciamo. Filippo Preziosi e tutti i ragazzi in fabbrica, comunque, stanno dando il massimo e ci saranno presto delle novità da provare". Il presto per Rossi potrebbe già essere all’indomani del GP del Portogallo, in programma la prossima settimana, quando i team della MotoGP avranno l’opportunità di fare dei test. Il Gp di Spagna, vede decisamente favorito Jorge Lorenzo (Yamaha) che su questa pista ha già vinto nelle passate due edizioni, mentre il circuito di Jerez de la Frontera è decisamente ostico per il campione del mondo in carica Casey Stoner (Honda) che su questo tracciato non ha mai vinto.

NESSUN COMMENTO

Comments