Monti vuole tassare gli sms: domani respirare quanto costerà? – di Andrea Lorusso

Sessantasei miliardi di messaggi inviati all’anno in Italia, è questa la mole di dati che l’Agcom sciorina a Monti & Co. e che molto probabilmente ha fatto sì s’accendesse la lampadina.

Come rimpinguare le magre casse della Protezione Civile in tempi di austerità e rigore di bilancio? Semplice, tassando!

2 centesimi di euro ogni 60 caratteri. Praticamente 10 centesimi di prelievo ogni 5 pagine di messaggio inviate in modo consuetudinario alla ragazza, all’amico o chicchessia.

Ad oggi è solo una ipotesi, ma domani potrebbe diventare realtà con un decreto.

In un Paese dove si è parlato per anni di Digital Divide, di progresso ed interconnessione, un metodo così barbaro di tassazione delle relazioni sociali a distanza è un passo indietro nel cammino comune della evoluzione.

Insomma, dopo il balzello sulle parole come quel film del’84 “Non ci resta che piangere”, fintanto che si emozionano i ministri (vedi Fornero su riforma della pensioni) forse, resteranno gratuite le lacrime.

Twitter @andrewlorusso

NESSUN COMMENTO

Comments