Molinari (Lega): “DL sicurezza? M5S rispetti contratto di governo”

“Toninelli su Tav? Per noi è un punto fermo, se le promesse fatte dal M5S ai comitati non reggono la prova della realpolitik è un problema loro”

Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, riguardo le resistenze dei senatori ‘dissidenti’ del M5S sul decreto sicurezza, parlando a Radio Cusano Campus ha detto: “Siamo fiduciosi che gli amici 5 stelle rispettino il contratto di governo come stiamo cercando di rispettarlo noi anche sui punti che magari ci convincono meno. Nel contratto di governo era previsto che ci fosse una politica diversa rispetto al passato in tema di sicurezza e di contrasto all’immigrazione clandestina e il dl sicurezza va proprio in questa direzione”.

In merito alle dichiarazioni di Toninelli sul Tav (‘Troveremo un accordo con la Francia per bloccare l’opera’). “Noi confermiamo assolutamente la nostra posizione a favore della realizzazione del Tav. E’ un’opera fondamentale per il nostro Paese”.

Riguardo le dichiarazioni di Berlusconi che ha invitato Salvini a staccare la spina al governo per non compromettere l’alleanza di centrodestra. “A Silvio Berlusconi ricordo che questo governo è nato col suo nullaosta. Il ruolo della Lega è quello di farsi interprete delle istanze del centrodestra. Quelle idee oggi sono tutelate e garantite dalla Lega in seno a questo governo. Questo gli elettori lo stanno capendo e lo dimostrano i risultati delle elezioni in Trentino che vedono un aumento esponenziale dei voti della Lega. Vuol dire che forse gli elettori di centrodestra sono più avanti in questo momento rispetto alla visione di Berlusconi, capiscono perfettamente che la Lega è al governo per tutelare le istanze del centrodestra e non perché ha un’alleanza strutturale col M5S. Sui territori c’è un’esperienza comune di buon governo. Il centrodestra unito vince, rompere l’alleanza è una cosa che non conviene prima di tutto a Forza Italia ma lascio a loro la decisione”.