Molfetta lasciata sola nell’illegalità e nella sporcizia

Sono diversi mesi che il Comune pugliese e la sua cittadinanza devono subire la mancanza del fu partito vincente e per la seconda volta di seguito essere soggetti all’organizzazione di un commissario in attesa delle prossime elezioni comunali. In questo clima di incertezza prolifera la sporcizia tra le strade, soprattutto nelle ore notturne, e l’abuso di cittadini di altre nazioni nell’essersi letteralmente impadroniti di alcune aree destinate agli abitanti e non alle loro roulotte.

Accade spesso che i rifiuti, anche se ben differenziati dagli stessi cittadini, rimangono tutta la notte alla mercé degli animali che dalle vicine campagne si spostano in città in cerca di cibo o di topi e scarafaggi, che come sappiamo proliferano nella sporcizia; tutto questo per non aver organizzato secondo criterio la stessa raccolta e non rispettare i tempi dello smaltimento.

I cittadini attraverso i social network dimostrano tutto il loro malcontento per l’inefficacia delle risoluzioni adottate e per l’assenza dello Stato che non interviene con decisione e fermezza per pulire la città e allontanare dal suolo pubblico chi lo invade permanentemente togliendolo ai cittadini ed agli animali, come accade nei pressi della Torre Calderina dove la spiaggia destinata ai cani è occupata senza permesso e pretesa con arroganza.  

Migliorare la procedura per lo smaltimento dei rifiuti e sgombrare le aree occupate senza permesso dovrebbero essere le priorità a cui dedicarsi nell’interesse pubblico e della pubblica sicurezza.