Mogadiscio, autobomba davanti a un ristorante: 9 morti

Almeno 32 persone sono tenute in ostaggio in un ristorante di Mogadiscio, in un attacco rivendicato dai fondamentalisti islamici Shabaab

Un copione già visto. Mogadiscio ripiomba nel terrore. Gli Shabaab tornano a mietere vittime nella capitale della martoriata Somalia prendendo di mira questa volta un ristorante popolare. Almeno 32 persone sono tenute in ostaggio in un ristorante di Mogadiscio dove un’autobomba – in un attacco rivendicato dai fondamentalisti islamici Shabaab – ha provocato la morte di nove persone.

Un commando di uomini armati, travestiti da soldati, ha fatto prima esplodere un’autobomba davanti al locale e poi ha fatto irruzione all’interno prendendo in ostaggio una trentina di persone, secondo al Arabiya. La situazione resta tesa, con gli estremisti a fine serata ancora asserragliati dentro la Pizza House, dove – stando alla polizia – si sono uditi spari.