Moda, Altaroma tra debutti e sartorialità

Due debutti ad Altaroma, quello di Antonella Rossi e Atelier Persechino, e tre prove di abilita’ sartoriale da maison gia’ conosciute, ovvero Nino Lettieri con la sua Audrey e il trionfo dei pois, lo stilista palestinese Jamal Taslaq con i suoi ricami di pelle e Giada Curti che chiude la quarta giornata della manifestazione di moda a Roma con la presentazione nel Parco dei Daini di Villa Borghese di dieci capi ricamatissimi, omaggio all’arte circense.

La pelle utilizzata come ricamo, tagliata in forme di foglie e volute, applicata su tulle come fosse macrame’ e bordata di perline o canottiglie, e’ la novita’ della nuova collezione di alta moda di Jamal Taslaq, che ha sfilato in un grande albergo romano. I colori caldi dei boschi hanno ispirato lo stilista che ha spiegato di aver tratto ispirazione da ‘L’Autunno’ di Vincent Van Gogh. C’e’ anche un piccolo omaggio ai sandali infradito che compiono 50 anni. Ma e’ solo una citazione, quando la sposa li indossa dopo essere scesa dai tacchi, che in tutta la collezione sono di rame, bronzo o legno. 38 gli autfit.

Aprono la sfilata cappotti e tailleur con giacche a baschina dai colli svettanti e i polsi di pelle. Tagli godet, panneggi e punti a scomparsa. La pelle viene trattata, colorata fino a farla sembrare seta. Viene dunque applicata su tulle e rifinita con decori nei corpetti dei tubini e negli abiti da gran soiree’, con gonne ampie e scollature sulla schiena. La palette di colori sfodera tonalita’ calde, bruni, viola, melanzana, marrone rossicci e oro. C’e’ anche molto verde, note di blu e di turchese. Il bianco e’ solo per la sposa. Il motivo dei pois declinato rigorosamente in bianco e nero e’ stato il protagonista della nuova collezione di Nino Lettieri, stilista napoletano che ha presentato oggi a Roma, in Via Margutta, la strada degli artisti della capitale, la sua sfilata intitolata Pois d’Hiver. E’ una moderna Audrey Hepburn quella che appare sulla pedana, in lunghi chemisier in chiffon disegnato a piccoli pois, oppure in pantaloni e blusa con rouches in seta a grandi bolli. Del resto l’indimenticabile attrice, icona fashion, raggiunse il successo proprio con il film Vacanze romane, girato in via Margutta. I pois invece sono un classico della moda, rivisitato da tutti i piu’ grandi couturier.

Antonella Rossi ha debuttato oggi a S. Spirito in Sassia con una collezione che rivisitato lo stile degli anni Cinquanta e Sessanta, del periodo della Dolce Vita nella Hollywood sul Tevere in 20 creazioni. Omaggio all’architettura moderna, alle opere di tre grandi nomi del settore, Pier Luigi Nervi in primis, Carlo Scarpa, Luigi Moretti, nella collezione che ha segnato invece il debutto ad Altaroma dell’ Atelier Persechino, disegnato di Sabrina Persechino, anche lei architetto.

Infine, Michele Miglionico ha presenta le sue creazioni con una mostra fotografica nella Galleria Angelica, omaggio alle bellezze delle Seychelles: i suoi capi indossati da Miss Seychelles 2012, Sherlyn Furneau, presentati alla Biblioteca Angelica dalla vice presidente di AltaRoma, Valeria Mangani.

NESSUN COMMENTO

Comments