Il mistero del killer di Istanbul, braccato ma in fuga [VIDEO]

Il cerchio attorno all'attentatore sembra pero' sempre piu' stretto. Dalle immagini in tv e sui giornali giurano di averlo riconosciuto alcuni vicini di casa nella provincia anatolica di Konya

Una caccia senza sosta ma ancora senza esito in tutta la Turchia al killer di Capodanno, che al momento ha un volto ma non un nome. Mentre il cerchio intorno all’uomo piu’ ricercato del Paese appare sempre piu’ stretto, con i presunti complici in manette saliti a 16, tra cui la moglie, la sua identita’ resta un mistero. E’ durato solo poche ore il suo presunto riconoscimento da parte dei media turchi, a partire dalla tv di stato vicinissima al presidente Recep Tayyip Erdogan, come il 28enne Ihake Mashrapov, cittadino del Kirghizistan, di cui era stato diffuso persino il passaporto. L’uomo, ora nel suo Paese, ha negato ogni coinvolgimento, come confermato anche dalle autorita’ di Bishkek.

La stessa polizia turca lo ha lasciato andare dopo un controllo all’aeroporto di Istanbul. Solo una somiglianza con il killer del ‘Reina’, il cui volto da ore circola su tutte le tv dopo la pubblicazione di un video-selfie girato nella zona di piazza Taksim, forse per inviare un messaggio sulla sua presenza in citta’. Il vero attentatore, per gli inquirenti, ha anche un passato in Siria, dove l’Isis lo avrebbe addestrato per la strage. Ma sullo scambio di persona le autorita’ turche continuano a mantenere un rigido silenzio. Forse, suggeriscono alcuni esperti, per far credere al killer che la polizia non sia cosi’ vicina alla sua cattura inducendolo a qualche passo falso.


Il cerchio attorno all’attentatore sembra pero’ sempre piu’ stretto. Dalle immagini in tv e sui giornali giurano di averlo riconosciuto alcuni vicini di casa nella provincia anatolica di Konya, dove l’uomo si sarebbe trasferito a fine novembre con la moglie e i 2 figli piccoli, probabilmente per non dare nell’occhio. Proveniente da un Paese dell’Asia centrale, come sembrano suggerire anche i tratti somatici: forse dal Kirghizistan o dall’Uzbekistan, anche se non cade l’ipotesi dell’origine dalla regione cinese dello Xinjiang, dove risiede la minoranza uigura, turcofona e musulmana.

istanbul mortiIeri notte, la polizia ha fermato la donna, che giura di non sapere nulla di una possibile affiliazione all’Isis del marito e di aver appreso della strage solo dalla tv. Per adesso, pero’, resta in manette, come altri 15 sospetti fiancheggiatori, tra cui 2 persone risultate in contatto con l’attentatore nei giorni precedenti l’attacco. Fermati anche i 2 agenti immobiliari che hanno affittato la casa di Konya, dove il presunto killer ha vissuto per circa un mese. Nello stesso edificio, mancano all’appello due famiglie straniere, sparite dopo l’attentato al ‘Reina’ e ora ricercate. In manette sono finiti pure altri 2 stranieri, bloccati nel pomeriggio all’aeroporto Ataturk di Istanbul mentre cercavano di lasciare la Turchia.

A negare il coinvolgimento del kirghiso Mashrapov, discolpatosi in un’intervista, sono stati in serata gli stessi servizi segreti di Bishkek. L’uomo ha spiegato di essere stato scambiato per l’attentatore per via di una somiglianza fisica, dichiarando di essersi recato a Istanbul per affari – come farebbe regolarmente dal 2011 – tra il 28 e il 30 dicembre e poi di nuovo tra il primo gennaio e stamani, mentre si trovava in Kirghizistan la notte della strage.

Intanto la Turchia appare sempre piu’ nel mirino. Nel 2016, ha detto oggi il ministro dell’Interno, sono stati sventati 339 grossi attentati di diversa matrice. In settimana, e’ atteso pure il via libera del Parlamento a una nuova proroga di 3 mesi dello stato d’emergenza, dichiarato dopo il fallito golpe del 15 luglio.