Milan batte Bologna 1 a 0. Balotelli prodezza e appello: ‘lasciatemi in pace’

Milan batte Bologna 1-0 nell’anticipo della 24/a giornata di serie A. Dalle lacrime di Napoli di sabato scorso alla prodezza contro il Bologna, dopo altri 86 minuti dimenticabili. Questa volta Mario Balotelli e’ protagonista assoluto in positivo e alla fine lancia un altro dei suoi appelli per abbassare la pressione che sente addosso. ”Mah, si guarda un po’ troppo alla mia vita privata, consiglierei un po’ a tutti di evitare, perche’ sono l’attaccante della Nazionale e dovreste lasciarmi tranquillo di vivere la mia vita e dare il massimo in campo – ha spiegato Balotelli -. In campo sono tranquillo, come a Napoli, anche se non era giornata. Anche questa non e’ stata una bella partita e l’ho risolta con un gol. Il mister mi da’ fiducia, sono un po’ quello che deve trascinare la squadra quindi mi e’ dovuto fare anche questi gol”.

Per Adriano Galliani ”e’ il gol dell’anno” questo destro scagliato da oltre 30 metri, un po’ alla Ibrahimovic per precisione, potenza e anche per il festeggiamento minimal. La dedica e’ invece tutta di Balotelli. ”Voglio mandare un buon San Valentino alla mia fidanzata Fanny, perche’ la amo tanto. Questo gol e’ per lei”, ha sorriso l’attaccante sottolineando il feeling con Pazzini, entrato negli ultimi 25′: ”Quando giochiamo insieme o io, o lui facciamo sempre gol. Quindi, ci sara’ tempo anche per provare questo”.

Iniziata con la nota del presidente Silvio Berlusconi che ha assicurato ”totale sintonia” con Galliani e Seedorf, la serata si e’ conclusa con l’olandese che applaudiva la prodezza di Balotelli. ”I gol speciali arrivano quando l’ambiente ci crede. Le mie parole su Mario sono state tolte dal contesto – ha puntualizzato l’allenatore – Campione e’ chi vince con continuita’. Mario diventera’ un campione e ha colpi da campione”.

Ora Seedorf puo’ pensare alla sfida di mercoledi’ con l’Atletico Madrid e nei prossimi giorni saranno valutate le condizioni di Zapata, che ha sentito un fastidio muscolare alla gamba sinistra, e Kaka’, che a fine gara camminava bene nonostante una lieve distorsione alla caviglia destra. In Champions non puo’ giocare Honda, sostituito e uscito (direttamente negli spogliatoi, ma Seedorf l’ha richiamato in panchina) fra i fischi dei tifosi. L’amico e connazionale Nagatomo l’aveva avvertito, in Italia il pubblico e’ esigente e basta poco per essere contestati.