Meteo, assaggio d’inverno al Nord fra giovedì e venerdì

Si colmerà non prima di domani il vortice di bassa pressione che si è formato nel weekend e insisterà soprattutto al Sud e sul versante Adriatico con piogge ed acquazzoni localmente intensi. Ma quando il peggio sembra essere passato, ecco arrivare tra giovedì e venerdì una veloce perturbazione, questa volta dalla Groenlandia, che porterà l’ennesimo peggioramento un po’ ovunque e un primo assaggio invernale, quanto meno al Nord.

In arrivo piogge e acquazzoni qua e là, ma anche neve sulle Alpi sopra i 1300/1400m e sin verso i 1000m su quelle occidentali. Andrà meglio domenica.

Le temperature venerdì subiranno un generale calo al Nord, con massime che non andranno sopra i 13/14 gradi anche col sole. Minime a una sola cifra e comprese tra 5 e 7 gradi pure in pianura. Al Sud nel week-end tornerà invece un po’ di caldo, specie domenica con valori diurni compresi tra 25 e 28 gradi, con qualche punta di 30/31 sulla Sicilia. In sostanza tra Nord e Sud ci saranno ben 15 gradi di differenza.

Irruzioni di aria fredda in autunno non sono eccezionali. Anche in passato l’Italia è stata interessata da eventi molto più intensi di quello prossimo. In ottobre i casi più significativi di ondate di freddo si concentrano però tra gli anni ’70 e ’80, quando c’era un altro tipo di circolazione atmosferica.

Gli esperti hanno ribattezzato il vortice ciclonico "Penelope" e confermano che già da giovedì si assisterà ad un nuovo peggioramento: dal Nord Europa giungerà una fresca perturbazione che innescherà temporali sulle Alpi, poi Piemonte, Lombardia e Venezie e resto del Nord, e con la neve che da quota 2000m scenderà rapidamente fino a 1000m in serata sulle Alpi centrali e sulla Lombardia. Rovesci, temporali e venti forti soffieranno e colpiranno la Liguria e tutte le regioni tirreniche per 2 giorni con particolare accanimenti sulla Campania, fino a lambire anche la Sicilia trapanese.