Merlo (MAIE) arriva a Santo Domingo e la situazione dell’Ambasciata si sblocca

????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

L’On. Ricardo Merlo, presidente del MAIE – Movimento Associativo Italiani all’Estero, sarà nelle prossime ore nella Repubblica Dominicana. Il deputato eletto all’estero non è ancora arrivato e già l’annuncio della sua visita comincia a dare i suoi frutti.

A meno di 48 ore dal suo arrivo, e a poche ore dall’interrogazione MAIE depositata nel Parlamento italiano proprio a proposito dell’Ambasciata italiana a Santo Domingo, Casa d’Italia dirama un comunicato in cui assicura che l’Ambasciata d’Italia verrà riaperta. Quando? Non si sa. Quali sono le fonti? Casa d’Italia non le cita. Attenzione, infatti, al momento non esiste nulla di ufficiale. Casa d’Italia, rispettabile associazione dominicana, non è certo il ministero degli Esteri italiano. Detto questo, la situazione che riguarda la nostra sede diplomatica a quanto pare si sta sbloccando.

"La visita di Merlo nella RD – si legge in una nota del MAIE Centro America e Caraibi – è di enorme importanza. Una visita che Roma teme moltissimo. Merlo, all’opposizione di questo governo Renzi – lo stesso governo che ha firmato i decreti di chiusura della sede diplomatica – durante la sua visita istituzionale nell’isola Hispaniola racconterà tutta la verità sulla vicenda che mette al centro l’Ambasciata d’Italia e che interessa migliaia di connazionali residenti nell’isola caraibica".

Ricordiamo che il MAIE ha iniziato la propria battaglia contro la chiusura dell’Ambasciata prima di ogni altro, un giorno dopo la notizia della annunciata chiusura. Manifestazioni, raccolte di firme, interrogazioni parlamentari. E’ stato fatto di tutto, a Roma come sul territorio. E quando si lavora con impegno e costanza, i risultati arrivano sempre. Altri, mesi dopo, si sono aggiunti alla lotta. Casa d’Italia per esempio ha fatto ricorso al Tar contro la decisione del governo, ma il ricorso è stato bocciato dal Consiglio di Stato, dopo una prima sentenza favorevole da parte del Tribunale amministrativo.

"Merlo – si legge ancora nella nota MAIE – sarà il primo eletto all’estero a visitare la RD e a incontrare la comunità italiana residente. Nessun altro eletto oltre confine, nemmeno quelli eletti nella nostra ripartizione elettorale Nord e Centro America – tra cui vi sono due esponenti del Pd -, si è mai recato a Santo Domingo per ascoltare le lamentele dei connazionali e per farsi portavoce delle loro esigenze. Merlo, per giunta eletto in Sud America, ha però deciso di essere presente per diventare il megafono della protesta della comunità italiana".

Ricky Filosa, coordinatore del MAIE Centro America e Caraibi, residente proprio a Santo Domingo, commenta: “Grande è la soddisfazione del MAIE di fronte a notizie, seppur – ribadiamo – non ufficiali, di una eventuale riapertura dell’Ambasciata italiana. Abbiamo iniziato la battaglia per primi, non smetteremo di lottare fino a quando riavremo sul territorio tutti i servizi consolari che ci spettano, senza essere costretti a prendere un aereo per recarsi a Panama. Avanti tutta con il MAIE”.